Home Politica Addio Equitalia: subentra Agenzia delle Entrate-Riscossione
Addio Equitalia: subentra Agenzia delle Entrate-Riscossione
0

Addio Equitalia: subentra Agenzia delle Entrate-Riscossione

0

chiudi


Sergio Mattarella ha firmato il decreto fiscale, ormai atteso in Parlamento: dal 1° luglio Equitalia chiuderà definitivamente.

Equitalia chiude e al suo posto subentrerà, a partire dal primo giorno di luglio, l’ente pubblico economico denominato Agenzia delle Entrate-Riscossione. Questo ente sarà vigilato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze.

Approvato con il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, su proposta del ministro dell’Economia, il nuovo ente è stato accolto con orgoglio dal premier Matteo Renzi, che si è detto soddisfatto della firma sul decreto fiscale, in accompagnamento alla Legge di Bilancio.
L’aggio dovuto a Equitalia resta al 6%. Chi aderirà alla sanatoria nei tempi previsti, potrà chiudere i contenziosi.

Il personale di Equitalia verrà trasferito direttamente al nuovo ente, “previo superamento di apposita procedura di selezione e verifica delle competenze in coerenza con i principi di trasparenza, pubblicità e imparzialità” (notizia che ha scatenato le proteste dei sindacati, che l’hanno definita una norma inaccettabile).

A presiedere l’Agenzia delle Entrate-Riscossione sarà il direttore dell’Agenzia delle Entrate.

Condono no, via interessi di mora

Come sottolineato dal premier Renzi, l’addio ad Equitalia non significa condono, ma cambieranno molte cose: si dirà addio agli interessi di mora che negli anni aumentavano anche fino a quattro volte il valore iniziale.
Per esempio, se una multa notificata nel 2009 poteva essere pressoché raddoppiata nel giro di quattro anni, adesso l’importo sarà quasi pari a quello iniziale. Non si potrà recuperare ciò che è stato già versato, riguardo agli interessi di mora, ma sarà detratto da rate future.

Irpef, Irap, Ires e Iva

Irpef, Irap, Ires, Iva, multe e contributi previdenziali potranno essere sanati entro 90 giorni a partire dalla data odierna, per cui si potrà presentare domanda a Equitalia per conoscere gli importi da pagare (anche rateizzabili).

Chi ha già rateizzato i pagamenti a Equitalia ed è in regola con le rate di pagamento in scadenza dal 1° ottobre al 31 dicembre 2016, potrà accedere alla sanatoria.

Addio Equitalia: subentra Agenzia delle Entrate-Riscossione ultima modifica: 2016-10-24T16:00:28+00:00 da Caterina Saracino