Home Politica Berlusconi avverte Parisi: No ruoli se resta contrasto con Salvini
Berlusconi avverte Parisi: No ruoli se resta contrasto con Salvini
0

Berlusconi avverte Parisi: No ruoli se resta contrasto con Salvini

0

chiudi


Silvio Berlusconi preme per l’unità del centrodestra e lo fa redarguendo Stefano Parisi in un’intervista rilasciata a Radio Anch’io.

Silvio Berlusconi punta tutto sull’unione del centrodestra e definisce scontri “personali” quelli tra il leader della Lega Nord Matteo Salvini e Stefano Parisi, coordinatore di Forza Italia. A quest’ultimo però, attraverso l’intervista a Radio Anch’io, ha voluto dare una sorta di avvertimento:

“Parisi sta cercando di avere un ruolo all’interno del centrodestra ma avendo questa situazione di contrasto con Salvini credo che questo ruolo non possa averlo.”

E ancora:

“Tutti i partiti che fanno parte della coalizione sanno che, se la rompono, si condannano all’irrilevanza. Stiamo lavorando a un programma condiviso, il resto appartiene al teatrino delle schermaglie e delle ambizioni personali. La nostra è un’alternativa liberale alla politica di sinistra e al populismo di Grillo.”

Salvini, a proposito di una alleanza con Parisi, era stato molto chiaro:

“No. Con gli amici di Alfano, Verdini, Cicchitto non si costruisce il futuro del Paese”.

Dall’altra parte, l’ex candidato sindaco di Milano aveva attaccato il leader del Carroccio, riferendosi alla manifestazione organizzata nel capoluogo toscano.

“È arrivato il momento. Ora dobbiamo candidarci alla guida del Paese. Noi non siamo quella roba che è a Firenze oggi.”

La lettera di Berlusconi a Parisi

Qualche giorno fa Berlusconi scriveva a Parisi:

“Questa serie di iniziative che stai svolgendo in tante città italiane, fa parte della missione per costruire il nostro futuro sulle nostre solide radici.
Non è casuale che essa coincida con la campagna per il referendum. Il 4 dicembre si scriverà una pagina molto importante nella storia italiana. Con la vittoria del “No” archivieremo una pessima riforma, che limita la democrazia senza migliorare l’efficienza, ma diremo anche la parola fine di un governo incapace, che ha fallito tutti i suoi obbiettivi, dalla politica economica alla politica estera, alla sicurezza.”

Niente “populismi”, continua il leader di Forza Italia:

“Di fronte ai risultati di Renzi e alla palese incapacità di governare dei Cinque Stelle, toccherà a noi proporre al paese un’offerta politica di qualità, un progetto di governo serio, credibile e responsabile, che dovrà basarsi sui nostri valori di riferimento, quelli della tradizione liberale, cattolica, riformatrice. Solo noi, non i populismi, possiamo proporre un’alternativa seria ai fallimenti del centrosinistra.
E’ per preparare questo che stiamo lavorando con grande impegno.
A te, Stefano, ho chiesto di svolgere un compito rilevante in questa prospettiva: coinvolgere e rendere protagonista – come stai facendo – un’area più ampia nella prospettiva di uno schieramento dei moderati vincente, ma è fondamentale che tutti noi lavoriamo insieme, perché ciascuno di noi ha una funzione importante da svolgere”.

Berlusconi avverte Parisi: No ruoli se resta contrasto con Salvini ultima modifica: 2016-11-15T16:00:20+00:00 da Caterina Saracino