Home Politica Berlusconi: “Se vince il No, nuova legge elettorale e si va al voto”
Berlusconi: “Se vince il No, nuova legge elettorale e si va al voto”
0

Berlusconi: “Se vince il No, nuova legge elettorale e si va al voto”

0

chiudi


Lo scenario dopo l’eventuale vittoria del No, per Silvio Berlusconi, è ben chiaro: si cambia la legge elettorale e si va al voto.

Nell’intervista andata in onda a Domenica Live nella giornata del 27 novembre, Silvio Berlusconi ha illustrato quello che sarebbe il suo programma se al referendum dovesse vincere il No. Per il leader di Forza Italia ci vuole un accordo sulla legge elettorale e un immediato ritorno alle urne:

“Resteremmo con questa Costituzione e, dopo l’accordo sulla legge elettorale, andremo finalmente al voto“.

Indignazione e responsabilità

L’intervista nel salotto Mediaset è cominciata con un accenno al recente intervento subito e all’attuale stato di salute dell’ex premier:

“Ho fatto molto sport da giovane, ho un cuore da atleta, ma in 20 anni mi hanno fatto subire 73 processi, ho passato 2-3 pomeriggi a settimana con i miei avvocati. È stata l’indignazione che ho dovuto tenere dentro di me che mi ha provocato quello per cui ho subito l’operazione”.

Berlusconi ha dichiarato che, dopo l’operazione, sentiva la necessità di circondarsi dai suoi affetti e lasciare alle spalle gli impegni in politica. Quello che poi lo ha costretto a cambiare idea e a scendere di nuovo in campo è stato un senso di responsabilità verso i suoi elettori:

“È intervenuto il senso di responsabilità verso il paese che amo, verso gli elettori che in questi anni mi hanno dato più di 200 milioni di voti”.

Contro Renzi

Spazio inevitabile, nel corso dell’intervista, anche per parlare del suo avversario Renzi:

“Noi siamo contro questa riforma perché è inaccettabile, insostenibile, assurda. È contro la democrazia. Renzi si è cucito un abito su misura su di lui e sul Pd. Che cosa succederebbe? Un unico uomo avrebbe nelle sue mani il Senato, la Camera, potrebbe eleggere il capo dello Stato e i membri della Corte Costituzionale. Sarebbe padrone dell’Italia e degli italiani. Ma questo è contrario alla democrazia”.

Il leader di Forza Italia ha poi sottolineato l’abisso tra sé e Renzi:

“In questi anni ho preso ben 200 milioni di voti dagli italiani, Renzi non si è nemmeno presentato alle elezioni politiche e non è stato nemmeno eletto in Parlamento. L’unico voto che ha avuto è per diventare sindaco della sua
meravigliosa città, con 112.000 voti: 112.000 voti contro 200 milioni, credo tra noi ci sia un abisso”.

Berlusconi: “Se vince il No, nuova legge elettorale e si va al voto” ultima modifica: 2016-11-28T16:00:48+00:00 da Caterina Saracino