Home Primo Piano Clinton vince confronto, Trump: “Brogli”
Clinton vince confronto, Trump: “Brogli”
0

Clinton vince confronto, Trump: “Brogli”

0

chiudi


Ieri si è tenuto il terzo faccia a faccia tra Trump e Clinton. Il tycoon ha dichiarato che potrebbe non accettare il risultato delle elezioni.

Il palco della University of Nevada è stato ieri sera il teatro del terzo incontro – scontro fra i due candidati alla presidenza degli Stati Uniti, Hillary Clinton e Donald Trump.
La stretta di mano non c’è stata, né prima né al termine del confronto ed è stato subito chiaro il livello tensivo del clima.
I toni si sono accesi parlando di immigrazione, con un Trump che ha puntato di nuovo l’attenzione sull’ormai famoso “muro“:

“Abbiamo bisogno di confini sicuri. Senza confini sicuri non esiste nessun Paese. Costruirò il muro”.

Affermazioni che sono state così controbattute dalla Clinton:

“Non voglio vedere materializzarsi una deportazione forzata come quella che vuole Donald, separando i bambini dalle famiglie.”

Il confronto è stato poi diretto alle fondazioni delle famiglie Trump e Clinton. Il costruttore milionario ha accusato la Fondazione Clinton di accettare fondi da Paesi come Arabia Saudita e il Qatar che “abusano delle donne e uccidono le donne e i gay”. Al che la risposta della Clinton non si è fatta attendere: la candidata democratica ha ironizzato sul fatto che i soldi della Fondazione Trump vengono usati principalmente per acquistare ritratti del tycoon.

Trump parla di brogli

Prima ancora che gli americani si rechino al voto, Donald Trump già inizia a parlare di brogli elettorali a suo danno.

Nel corso del dibattito di ieri sera ha dichiarato di non sapere se accetterà il risultato di quelle che secondo lui sono elezioni truccate, se l’8 novembre dovesse risultare perdente.
L’affermazione è stata il culmine del discorso che Trump porta avanti ormai da tempo, quando – anche sui social – ha parlato di brogli: “Le elezioni sono assolutamente truccate dai disonesti e distorti media che sostengono la corrotta Hillary, ma anche in molti seggi elettorali, triste”.

Discorsi e atteggiamenti che sembrano riflettere il timore di Trump, derivante dai numerosi scandali che lo hanno riguardato e che stanno portando a un grave calo del consenso nei sondaggi.

Mike Pence, attuale governatore dell’Indiana, si è schierato con Trump riguardo al timore di brogli, ma ha anche dichiarato che il risultato dell’8 novembre deve essere accettato, perché esprimerà la volontà del popolo americano.

Foto tratta da video

Clinton vince confronto, Trump: “Brogli” ultima modifica: 2016-10-20T10:50:19+00:00 da Caterina Saracino