Home Economia Integrazione omnicanale: la sfida digitale del lusso italiano
  Previous Video Come abbassare la rata del finanziamento
  Next Video Commercio dell'usato: auto trafugate da Milano a Cerignola
0

Integrazione omnicanale: la sfida digitale del lusso italiano

0

BCG: L’esperienza FiloBlu. 60%degli acquisti influenzati dal digitale

Mercato italiano o estero; digitale o punto vendita; on line contro off line? Sono categorie superate: per i marchi della moda e del lusso – e quindi per le aziende italiane del settore prime tra le altre – raggiungere il cliente, sul suo mercato, o meglio nelle sue abitudini quotidiane, deve voler dire avere un approccio omnicanale. Ovvero una visione che superi, inglobandole, le distinzioni e gli schemi rigidi di convivenza dei diversi canali di vendita.

Federico Bonelli, principal di The Boston Consulting Group:”Bisogna smettere di pensare italiano-non italiano. Questo è un settore globale: i cinesi che comprano lusso, spendono l’80 per cento fuori dalla Cina. I cinesi che comprano a Milano sono un tema italiano o cinese? Per cui la partita per il lusso è una partita globale. Fin da piccoli i brand sono global. E ancora La partita dell’integrazione tra fisico e digitale è globale anche quella proprio perché il consumatore che è globale per natura si aspetta una interazione unica con il brand. Io non interagisco con il negozio, e neanche con il sito: interagisco con il brand e per me il brand è uno solo per cui mi aspetto di ritrovare quell’interazione consolidata, calda, amichevole, profonda, in tutti i canali di acquisto”.

Di approccio omnicanale per i marchi italiani della moda e del lusso, soprattutto nella prospettiva di un’espansione verso i consumatori cinesi, se nè è parlato a Milano nel corso di una serata organizzata da FiloBlu per festeggiare i suoi sette anni di attività.
FiloBlu si pone come partner delle imprese per lo sviluppo e l’accelerazione del business sui mercati globali grazie al digitale.

Christian Nucibella ne è il fondatore: “Il digitale sta entrando nel punto vendita semplificando il processo di consegna e moltiplicando lo shopping experience. Si può acquistare in negozio e la consegna può essere fatta dall’online; si può acquistare on line e consegnare in negozio; dove può esserci il servizio di reso. Quindi ormai non si parla più di canali separati ma di un unico canale che rende disponibile un prodotto laddove il cliente lo vuole toccare e vedere”.

Filoblu ha stretto con Alibaba un accordo per assistere e accompagnare le imprese italiane in tutte le attività di interazione sul marketplace che consente di raggiungere consumatori cinesi. E nella prospettiva di rendere poi concrete i principi dell’approccio omicanale, ha anche aperto due società di logistica, la prima a Shanghai, la seconda a Hong Kong, proprio per velocizzare il time to market degli store affiancati.

Nucibella sintetizza così il senso dell’accordo con Alibaba: “Dà la possibiltà di vendere in Cina. Da l’opportunità di vendere in tutto il South-Asia. Abbiamo poi abilitato due warehouse; di conseguenza possiamo iniziare da un vendita internazionale su queste due grandi aree di mercato. Oppure, se il progetto è più grande, avere anche la possibilità di avere merce a terra in queste due location per dare un servizio con localizzazione della vendita, le traduzione, team, il customer care in loco”.

Dimensione digitale quindi come formula unificatrice per dare risposta concreta a chi vuole guardare al più grande mercato del mondo, quello cinese. Digitale come formula, o come chiave di accesso al negozio da mettere direttamente nelle mani del consumatore, ovvero nel suo smartphone: il 60 per cento degli acquisti di lusso a livello mondiale è influenzato da una interazione digitale.
E un brand che non vuole avere una identità online integrata in ottica omnicanale, o semplicemente male cura la sua presenza digitale, è un brand candidato a restare ai margini del mercato. “Faccio fatica, faccio più fatica: c’è il rischio di perdere e mettere a rischio quella porzione di acquisti dove per esempio un consumatore prima di entrare in negozio e di toccare il prodotto, sono andati on line e scelgono un brand piuttosto che un altro”.

Fonte: askanews

Integrazione omnicanale: la sfida digitale del lusso italiano ultima modifica: 2016-11-21T14:52:45+00:00 da Davide Corrado