Home Primo Piano Matteo Renzi fiducioso sulla vittoria del Sì
Matteo Renzi fiducioso sulla vittoria del Sì
0

Matteo Renzi fiducioso sulla vittoria del Sì

0

chiudi


Da ambo le parti, continua la campagna per il referendum del 4 dicembre: Matteo Renzi si dice ottimista riguardo alla vittoria del Sì.

Il clima sta cambiando: ne è convinto Matteo Renzi, che in questi ultimi giorni di campagna per il Sì al referendum, sprona chi sta dalla sua parte a non mollare e a crederci. “Vinciamo largo”, dichiara il premier nelle riunioni con i suoi, anche se non è chiaro quali siano le fonti di tanta sicurezza, se supportate da dati oppure se siano solo sensazioni. Quello che è certo è che mancano pochi giorni al voto e non è più possibile pubblicare i sondaggi.

Il messaggio di Renzi

Il premier ha voluto condividere un importante messaggio sulla sua pagina social, in cui ribadisce che il clima sta cambiando:

“Finalmente stiamo entrando nel merito della riforma e dei cambiamenti che l’Italia potrà avere in caso di vittoria del sì. Certo, c’è sempre chi prova a cambiare argomento, a parlare di altro, dal Governo alla legge elettorale, ma sento da molti di voi che finalmente il clima è cambiato e adesso si inizia a discutere di riforme e non più di tutto il resto. Dunque, avanti tutta. Perché se entriamo nel merito scopriamo che la stragrande maggioranza dei nostri concittadini vuole superare il bicameralismo paritario, vuole ridurre il numero dei parlamentari, vuole ridurre i costi, vuole abolire il CNEL, vuole cambiare il rapporto Stato-Regioni. E se nei prossimi tredici giorni parliamo di questo, anziché di tutti i diversivi che si stanno inventando, è fatta.”

Dimissioni se vince il No

Qualche giorno fa, in un’intervista a RTL 102.5, il Presidente del Consiglio ha voluto ribadire le sue intenzioni di dimettersi in caso di vittoria del No al referendum:

“Se i cittadini votano no e vogliono un sistema che è quello decrepito che non funziona, io non posso essere quello che si mette d’accordo con gli altri partiti per fare un governo di scopo”.

Già da Fazio, Renzi aveva espresso le sue intenzioni di guidare il paese verso il cambiamento, ma di non voler restare nella palude dopo il No:

“Penso che se si deve restare a galleggiare, ci vada qualcun altro. Io non sono in grado di essere quello che rimane nella palude. Io ho cercato in questi due anni di mettere tutta la mia energia per uscire dal pantano, non ne potevo più di vedere l’Italia rimpicciolita.”

Il Premier ha sottolineato che l’esito verrà in ogni caso rispettato con grande tranquillità.

Matteo Renzi fiducioso sulla vittoria del Sì ultima modifica: 2016-11-28T10:19:39+00:00 da Caterina Saracino