Home Economia PosteHack: le idee giovani di Poste Italiane per lo shopping 3.0
  Previous Video Rimborsi fiscali 2016
  Next Video Organizzazione trasnazionale di pedofili smantellata dalla polizia postale: 7 arresti
0

PosteHack: le idee giovani di Poste Italiane per lo shopping 3.0

0

Creata app per pagamento “senza cameriere” all’ Hackathon di Poste Italiane a Roma

Si è svolta a Roma la terza PosteHack, l’hackathon di Poste italiane, questa volta dedicata allo shopping 3.0. Otto squadre di giovani – formate da sviluppatori, informatici, ma anche designer ed esperti di marketing – si sono ritrovate al Talent Garden, un nuovissimo spazio di co-working creato al secondo piano dello storico edificio di Poste a viale Mazzini, per sfidarsi in una maratona notturna e creare un’applicazione che faciliti gli acquisti tramite smartphone per Poste Italiane.

“C’è un grandissimo travaso di idee tra i gruppi e questo porta a concretizzare progetti sempre più importanti e di grossa fattura”, racconta uno dei partecipanti.

“A parte vincere, che mi sembra scontato, spesso i premi in palio sono un motivo più che ottimo per partecipare”, aggiunge un mentor, ex partecipante e vincitore di una precedente Hackathon.

A vincere è stato il team “PostepayNow”, con una app pensata per chi si trova in pausa pranzo e non ha tempo di aspettare il cameriere per pagare:

“Ovvero è un’app che semplifica non solo il sistema di pagamento, noi lo abbiamo pensato per la ristorazione, ma in più ti fa vedere quali sono gli esercenti che hanno gli sconti e quanti sconti hanno. Basta frustrazione. Paghi adesso, PostepayNow”, hanno raccontato i vincitori.

I ragazzi si sono aggiudicati un viaggio in Finlandia per partecipare allo Slush 2016, conferenza internazionale sul mondo delle start up (in programma 30 nov-1 dic., ndr). Il direttore di Bancoposta Marco Siracusano:

“Abbiamo guardato delle soluzioni, ma abbiamo guardato anche a chi aveva un po’ di visione per il futuro, oggi applicazioni che sono valide oggi tra un mese potrebbero già non esserlo, quindi molti dei gruppi vincitori avevano anche un respiro per il futuro. Il mondo del digitale dei pagamenti sta avendo una tumultuosa crescita, quindi quello che è valido oggi tra un mese forse non più”.

Per la responsabile di Retail Bancoposta, Laura Furlan, PosteHack è un evento strategico:

“L’hackathon per noi è un’occasione importantissima, tutti i giorni ci sediamo a pensare come far evolvere le nostre app e le nostre esperienze digitali. Questo è un modo per coinvolgere tantissimi giovani e chiedere loro cosa si aspettano da noi e realizzarlo”.

 

Fonte: askanews

PosteHack: le idee giovani di Poste Italiane per lo shopping 3.0 ultima modifica: 2016-10-25T16:27:43+00:00 da Davide Corrado