Home Primo Piano Referendum, meno due al voto. Grillo minaccia denunce, Renzi sbotta: “Quante bufale”
Referendum, meno due al voto. Grillo minaccia denunce, Renzi sbotta: “Quante bufale”
0

Referendum, meno due al voto. Grillo minaccia denunce, Renzi sbotta: “Quante bufale”

0

chiudi


Ultimo giorno di campagna elettorale: domenica si vota per il referendum costituzionale. E le polemiche non si placano

Fiato alle trombe ancora per un giorno, poi massimo silenzio in attesa del verdetto delle urne. Domenica, infatti, la “parola” passerà agli italiani. Ultimo giorno di campagna elettorale in vista del referendum sulla riforma costituzionale. Matteo Renzi chiuderà la sua battaglia per il Sì a Firenze, mentre Beppe Grillo, paladino del No, è atteso a Torino. “La differenza – ha dichiarato il Premier dal palco di Napoli – la faranno poche migliaia di voti. Perciò scaricate la rubrica del telefonino e andate a lavorare concretamente con le persone. Ci sono gli indecisi e ci sono un sacco di bufale in giro. Io sono molto ottimista, ma non fatemi fate fare gesti scaramantici qui a Napoli“.

Decide Mattarella

Elezioni anticipate in caso di vittoria del Sì? Secondo Renzi si tratta solo di “retroscena fantapolitici“. Per chiudere lumi, tuttavia, bisogna chiedere al presidente Mattarella: “Tutti questi retroscena fantapolitici non li prendo nemmeno in considerazione. Non vado a elezioni anticipate, perché non dipende da me, ma dal Presidente della Repubblica e dal Parlamento“.

Botta e risposta

Nel frattempo, non si placano le diatribe (più mediatiche che politiche) tra lo stesso Renzi e Grillo. Il leader dei Movimento Cinque Stelle non ha gradito la scelta del Premier di mostrare un facsimile della scheda per l’elezione dei senatori e si dice pronto a denunciarlo per “abuso di credulità popolare”. Piccata la replica del Presidente del Consiglio: “La scheda ci sarà, i cittadini voteranno i senatori. Se Grillo vuole andare in tribunale a denunciarmi faccia pure, magari a Palermo, lì sanno qual è la strada. Ma il reato è depenalizzato, i Cinque stelle non lo sanno perché in Parlamento non vanno spesso. Ma Grillo è salvo per aver parlato di scie chimiche e sirene“.

Estero, stop al voto: affluenza del 40%

Alle 16 di ieri, intanto, si sono chiusi i seggi all’estero. Renzi non vuol sentir parlare di brogli e rispedisce al mittente ogni accusa: “È un film che ogni volta si ripropone. Il voto all’estero è stato proposto dall’allora ministro del centrodestra Tremaglia e votato a sinistra. Non capisco perché dire che lì si fanno i brogli, perché alimentare tensioni e polemiche?“.

Matteo Renzi
Matteo Renzi
Referendum, meno due al voto. Grillo minaccia denunce, Renzi sbotta: “Quante bufale” ultima modifica: 2016-12-02T11:12:53+00:00 da Salvo Trovato