Home Primo Piano Terremoto, nuove scosse nell’aquilano: e trema anche l’Emilia Romagna
Terremoto, nuove scosse nell’aquilano: e trema anche l’Emilia Romagna
0

Terremoto, nuove scosse nell’aquilano: e trema anche l’Emilia Romagna

0

chiudi


Lo sciame sismico continua a interessare le zone recentemente colpite, ma non solo: ieri un terremoto di magnitudo 4.4 ha interessato la pianura padana

L’Italia trema, o meglio, continua a tremare. E non è certo una spiacevole sorpresa né tantomeno una semplice quanto sventurata casualità. Il Bel Paese, infatti, è storicamente (ma soprattutto geologicamente) una terra attiva e soggetta ai terremoti. Dopo L’Aquila (a proposito: una nuova e forte scossa, di magnitudo 4.4, è stata avvertita martedì nella zona dell’aquilano), Amatrice, Norcia, Accumoli, comuni colpiti e straziati in questi ultimi anni, anche l’Emilia Romagna ha ripreso a “ballare”. Ieri, poco prima delle 7, un sisma di magnitudo 3.7 è stato registrato a Reggio Emilia.

Nuova faglia in Centro

Niente di nuovo: anche la pianura padana, infatti, in passato è stata più volte colpita da violenti terremoti (ben 25 dal 1600). Nessun’allerta, ci mancherebbe, ma bisogna comunque essere preparati. Perché, come detto, il nostro è un paese a forte rischio sismico. Nel frattempo, le scosse continuano a tormentare e battere il Centro Italia, nelle zone comprese tra L’Aquila (Abruzzo) e Amatrice (Lazio), già sconvolte in questi anni dal dramma del terremoto. Il fattore scatenante è legato all’attivazione di una nuova faglia, diversa da quella che ha provocato i precedenti sismi. Difficile, anzi, impossibile prevederne l’evoluzione.

L’Appennino sprofonda

Il problema più grande riguarda l’Appennino, che sta letteralmente sprofondando in cerca di un nuovo assetto. È un dato di fatto: questo continuo movimento verso il basso, con conseguente rilascio di energia, porterà all’attivazione di vecchie e nuove faglie nel medio-lungo tempo. Aspetto, questo, da non sottovalutare. Non è una questione di allarmismo, ma di preoccupazione, quella sì. Perché il terremoto, è giusto ricordarlo, colpisce al cuore… all’improvviso.

Terremoto, nuove scosse nell’aquilano: e trema anche l’Emilia Romagna ultima modifica: 2016-12-01T12:43:45+00:00 da Salvo Trovato