Home Guide Thunderbird: la cartella Posta inviata è piena e non può contenere ulteriori messaggi
Thunderbird: la cartella Posta inviata è piena e non può contenere ulteriori messaggi
0

Thunderbird: la cartella Posta inviata è piena e non può contenere ulteriori messaggi

0

chiudi


Fra gli errori abituali del popolare programma di posta, “La cartella Posta inviata è piena” è uno dei più incomprensibili. Spesso però bastano pochi minuti per uscirne vittoriosi.

Fino al giorno prima abbiamo inviato la posta normalmente, quando di improvviso Thunderbird ci restituisce questo errore: la cartella posta inviata è piene e non può contenere ulteriori messaggi. Per fare spazio per altri messaggi eliminare i messaggi vecchi o inutili e compattare la cartella. Una di quelle situazioni in cui l’altrimenti ottimo programma di casa Mozilla ci lascia con l’amaro in bocca. Tuttavia, possiamo uscirne davvero in pochi minuti, e senza nemmeno bisogno di troppe contorsioni. Ecco tutti i passaggi da seguire.

la cartella Posta inviata è piena

Liberiamoci dal messaggio La cartella Posta inviata è piena: la soluzione più facile

Chi ha detto che le soluzioni semplici devono essere sbagliate per forza? Come prima cosa, facciamo quello che ci suggerisce la finestra e proviamo a eliminare qualche vecchio messaggio dalla Posta Inviata oppure, se non vogliamo perdere la memoria storica, creiamo una cartella nelle Cartelle localispostiamoli in questa che abbiamo appena creato. Non aspettiamoci un risultato miracoloso, quasi sempre il problema è altrove, ma questa operazione richiede letteralmente mezzo minuto e non ci costa nulla provare.

La soluzione più efficace

Se questa prima operazione non risolve il problema, allora potrebbe trattarsi di un inconveniente leggermente più complesso, che però possiamo provare a risolvere con gli strumenti che Thunderbird ci mette a disposizione. Apriamo Thunderbird e facciamo clic con il tasto destro sulla cartella Posta inviata e prima di tutto facciamo clic su Proprietà.

Thunderbird - Proprietà cartella

Nella finestra che si apre scegliamo la scheda Informazioni generali e premiamo sul tasto Ripara la cartella in fondo alla finestra. In questo modo Thunderbid sistemerà in modo automatico gli indici della cartella posta inviata.

Thunderbird ripara cartella

Attenzione: Anche se questo passaggio non è contemplato direttamente nella finestra di errore, è sempre meglio effettuarlo prima di compattare la cartella, altrimenti rischiamo di danneggiarla ulteriormente. Anche se di solito si tratta di contrattempi recuperabili, rischiamo di perdere tempo inutilmente.

Dopo aver riparato la cartella, procediamo con la compattazione: facciamo nuovamente clic con il tasto destro sulla posta inviata e questa volta scegliamo l’opzione Compatta.

Thunderbird Compatta Cartella

In questo modo il problema dovrebbe essere risolto

Se Thunderbird continua a dirci che la posta inviata è piena…

…allora bisogna usare le maniere forti! Questa procedura è decisamente più distruttiva (e leggermente rischiosa) ma di solito è efficace quando tutto il resto fallisce. Come prima cosa Copiamo tutti i messaggi dalla posta inviata alla cartella che abbiamo creato nel primo passaggio. Poi chiudiamo Thunderbird, poi navighiamo fino alla cartella del nostro profilo. Di solito si trova in C:\Users\[NOMEUTENTE]\AppData\Roaming\Thunderbird . Qui troveremo una cartella che si chiama con una serie di lettere e numeri casuali, per esempio x78YYa9u.default. Apriamola e troveremo diverse cartelle. Scegliamo quella con il nome più simile al nostro account di posta e, aiutandoci con la funzione di ricerca di Windows, cancelliamo i file che si chiamano Sent.msf e Sent. Questa operazione elimina le cartelle di posta inviata, ecco perché abbiamo copiato altrove i messaggi.

Thunderbird Cancella Sent

Riavviamo Thunderbird, che in qualche istante dovrebbe ricostruire una nuova cartella di posta inviata, vuota e funzionante.

Thunderbird: la cartella Posta inviata è piena e non può contenere ulteriori messaggi ultima modifica: 2016-11-16T19:44:55+00:00 da Massimiliano Monti