Home Primo Piano Trump Presidente: le prime nomine
Trump Presidente: le prime nomine
0

Trump Presidente: le prime nomine

0

chiudi


A pochi giorni dalle elezioni di Donald Trump quale Presidente USA, arrivano le sue prime nomine per formare la squadra di governo.

Donald Trump ha scelto i suoi più stretti collaboratori: il dirigente repubblicano Reince Priebus è stato nominato capo dello staff del Presidente, che agli effetti sarà il responsabile organizzativo nella White House, quindi colui che gestirà i rapporti con il Congresso e con l’amministrazione. Priebus, 44 anni, è presidente del Republican National Committee.

Nel ruolo di chief strategist, il tycoon ha scelto Stephen Bannon, ultraconservatore. Bannon, presidente del portale Breibart News e da sempre schierato con Trump, riceverà la nomina di consigliere del neo-presidente e sarà quindi al vertice della strategia politica nazionale e internazionale.

Le nomine avranno effetto a cominciare dal prossimo 20 gennaio, ovvero da quando il 45° Presidente Usa si insedierà nella White House.

La costruzione del muro

In queste ore si parla molto di uno dei primi obiettivi che Trump intende portare a termine: la costruzione di un muro che separi gli Stati Uniti dal Messico. Trump ha risposto così alla domanda diretta di Lesley Stahl, conduttrice dello show tv “60 minutes”.

“Sì, ho intenzione di costruire un muro. Per alcune aree potrebbe andare bene un recinto, ma in altre un muro è più appropriato. Sono molto bravo in questo, si chiama costruzione.”

Riguardo alle sue intenzioni di deportare i milioni di clandestini senza documenti, il nuovo Presidente Usa ha risposto:

“Ciò che ci accingiamo a fare è mandare via le persone che sono criminali e hanno precedenti penali, membri di bande, spacciatori di droga, sono un sacco queste persone, forse 2 milioni, potrebbero essere addirittura 3 milioni. Vogliamo tenerli fuori dal nostro Paese, qui sono illegali. Dopo il confine sarà sicuro e tutto sarà normalizzato”.

Riguardo al passaggio di consegne con il presidente uscente Barack Obama, Trump ha dichiarato nella stessa intervista cosa pensa di lui:

“È intelligente. E gentile. Mi ha spiegato i pro e i contro dell’Obamacare. Abbiamo parlato molto di Medio Oriente. Non c’è stato nessun rancore, nessun imbarazzo nonostante tutte le cose cattive che ci siamo detti reciprocamente durante la campagna”.

Trump Presidente: le prime nomine ultima modifica: 2016-11-14T11:08:19+00:00 da Caterina Saracino