Hollywood in lutto per la scomparsa di Zsa Zsa Gabor

È morta Zsa Zsa Gabor, una della ultime dive dell’Hollywood che fu

chiudi

Caricamento Player...

È morta nelle scorse ore nella sua villa di Bel Air, a Los Angeles, Zsa Zsa Gabor, una delle ultime dive, star di Hollywood che di se stessa aveva fatto uno show. A stroncarla un arresto cardiaco. Aveva 99 anni ma ne avrebbe compiuti 100 il prossimo 6 febbraio.

La vita

Nata a Budapest nel 1917, Zsa Zsa (vero nome Sari) Gabor fu incoronata Miss Ungheria nel 1936, ma subito dopo lasciò il Paese per seguire la sorella Eva a Hollywood. La prima vera opportunità e la svolta arrivarono con “Moulin Rouge” diretto da John Huston. Divenne subito riconoscibile per il suo marcato accento est europeo, che non abbandonò nemmeno quando la conoscenza della lingua inglese col tempo migliorò notevolmente e divenne quindi il suo tratto distintivo. Ma non l’unico: i capelli biondi cotonati e raccolti, il make up accattivante, la resero un personaggio inconfondibile e per alcuni versi onnipresente. Negli anni ’80 fu guest star in popolari serie tv e soap opera (tra l’altro esportate in tutto il mondo) interpretando se stessa: Zsa Zsa Gabor. Aveva trovato così il suo posto a Hollywood, inventando di fatto un genere che andava oltre la tradizionale celebrità legata ai ruoli interpretati al cinema o in tv. Era famosa per essere famosa. Una manna dal cielo per i talk show fin dai loro albori. Poi ci furono i matrimoni, nove in tutto, anche per quelli era famosa: con uomini ricchi e possibilmente più giovani. E’ nota la sua battuta “Voglio un uomo che sia gentile e comprensivo. E’ chiedere troppo ad un milionario?”. Tra il 1942 e il 1946 fu sposata al magnate del settore alberghiero Conrad Hilton, da cui ebbe l’unica figlia Francesca, che però Hilton non credeva fosse sua figlia biologica. (Zsa Zsa Gabor è anche la pro-zia di Paris Hilton). Poi ci fu l’attore George Sanders con cui il matrimonio durò dal 1949 al 1954, il sesto fu il designer Jack Ryan (1975-76), il creatore della bambola Barbie.

Fonte: Ansa.it