Il 19 giugno 1955 si gioca l’ultima gara del campionato vinto dal Milan. I rossoneri chiudono pareggiando a Busto Arsizio.

Nel 1951 il Milan torna a vincere lo scudetto dopo 44 anni di lunga attesa. Tre stagioni successive, in seno alla proprietà rossonera si concretizza l’importante passaggio dalla presidenza Trabattoni a quella di Andrea Rizzoli.

Lo squadrone di Guttmann

Il nuovo numero uno del Diavolo ha ambizioni notevoli: il Gre-No-Li è senza il “Professore”, passato alla Fiorentina, ma gli acquisti del fuoriclasse uruguaiano Schiaffino, dell’ala Ricagni e del difensore Cesare Maldini confezionano una rosa formidabile. Il Milan parte alla grandissima e vince 9 delle prime 10 giornate: Liedholm dà equilibrio, Schiaffino illumina e Nordhal continua a gonfiare le reti avversarie. La formazione di Guttmann sembra inarrestabile; solo l’Udinese prova a tenere il passo dei rossoneri.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Bela Guttmann alla guida del Milan nel 1955
https://it.wikipedia.org/wiki/B%C3%A9la_Guttmann#/media/File:B%C3%A9la_Guttmann_-_AC_Milan.jpg

L’esonero di Bela

Il Milan sembra viaggiare spedito verso lo scudetto ma all’inizio del girone di ritorno i rossoneri perdono due gare consecutive e l’allenatore ungherese viene sollevato dall’incarico, passando così la mano al secondo Hector Puricelli. Dopo il ko nello scontro diretto, i punti di vantaggio sull’Udinese sono appena due. Grazie a un finale energico (2-4 contro la Lazio, 3-1 alla Juventus e 0-8 contro il Genoa), comunque, il Milan mantiene la vetta della classifica.

Il match scudetto

Il 12 giugno, quindi, il Milan surclassa la Spal a San Siro con un netto 6 a 0 e vince il 5° scudetto. Come spesso succede, è Nordhal a trascinare i suoi con un poker personale di reti.

https://www.youtube.com/watch?v=rqD1rAXYdec

19 giugno 1955, l’ultima giornata

Il 19 giugno si gioca l’ultima giornata di campionato. I rossoneri, freschi di scudetto, affrontano la Pro Patria a Busto Arsizio. Queste le formazioni:
PRO PATRIA: Uboldi, Toros, Donati, Frasi, Fossati, Orzan, La Rosa, Borsani, Hofling, Danova, Cavigioli.
MILAN: Toros, Maldini, Silvestri, Fontana, Pedroni, Bergamaschi, Soerensen, Ricagni, Nordahl, Vicariotto, Valli.
La gara che saluta i campioni d’Italia si decide nella ripresa: apre il solito Nordhal, pareggia Caviglioli.

milan

ultimo aggiornamento: 19-06-2019


Milan-Uefa, si tratta: niente Europa con pareggio di bilancio un anno dopo?

Platini rilasciato dopo l’interrogatorio