1956, Milan-Napoli: Schiaffino non basta, i partenopei dilagano a San Siro

5 paesi low cost dove rifarsi una vita

Il 7 ottobre 1956 si gioca la 4/a giornata di campionato. Milan-Napoli regala un grande spettacolo ma sono i partenopei a vincere con Pesaola e Vinicio sugli scudi.

Nella stagione 1956/57 arriva Gipo Viani alla direzione tecnica del Milan. Il bomber Nordhal lascia i rossoneri e così lo “Sceriffo” ingaggia molti elementi offensivi come Bean, Galli, il norvegese Bredesen e l’argentino Cucchiaroni, tutti diretti dalla splendida regia di Schiaffino.

L’avvio del Diavolo

Liedholm e compagni partono bene con tre vittorie contro Triestina, Bologna e Palermo. Tutte vittorie di misura. Il 7 ottobre 1956 si gioca Milan-Napoli, primo scontro di un certo livello. La formazione di Amadei punta su Vinicio e Pesaola in attacco.

Viani e Trapattoni
Viani e Trapattoni

Inizio choc dei rossoneri

Dopo appena nove minuti Posio porta in vantaggio gli azzurri. E prima del 20′ gli ospiti raddoppiano con Pesaola. Il Milan non reagisce e quando si scatena Vinicio la situazione si fa irrimediabile: il brasiliano segna una doppietta nel giro di pochi minuti e i rossoneri vanno al tappeto. Prima dell’intervallo, l’italo-argentino Pesaola trova anch’egli la doppietta e il tabellone di San Siro è eloquente: Milan-Napoli 0-5.

“Pepe” non basta

Nella ripresa, quantomeno, il Milan prova a reagire per salvare l’orgoglio. E al 61′ Schiaffino segna il gol della bandiera su calcio di rigore. Nel finale, ancora il fuoriclasse uruguaiano e poi Carletto Galli fissano il punteggio finale: Milan-Napoli 3-5!

Sarà scudetto…

Dopo il ko con il Napoli, i rossoneri perdono anche a Padova contro la formazione di Nereo Rocco. Invece del tracollo, tuttavia, il Milan reagisce e dopo il pari nel derby vince in casa della Fiorentina, campione in carica. Da lì in poi la squadra di Viani non si ferma più e al termine della stagione vincerà il 6° scudetto.

Ricevi le ultime notizie in Real Time, lascia la tua email qui sotto:

Privacy Policy
Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 09-04-2018

Fabio Acri