Il 13 aprile 1994 si gioca Porto-Milan, ultima gara del girone B di Champions League. Lo 0 a 0 finale consente ai rossoneri di difendere il primo posto e accedere alla semifinale unica giocando in casa.

Dopo aver bissato la vittoria dello scudetto e perso la Champions League all’ultimo atto contro il Marsiglia, il Milan di Fabio Capello riparte nella stagione 1993/94 dovendo fare i conti con gli addii di Rijkaard (all’Ajax) e di Gullit (alla Sampdoria, in polemica con Capello) mentre Van Basten è infortunato e non tornerà mai più… Sul mercato, il Diavolo acquista Raducioiu, Brian Laudrup e Panucci. Poi, a novembre, arriva il colosso Desailly. E così il tecnico di Pieris imposta l’undici rossonero con una difesa insuperabile e un Massaro goleador.

Il cammino in Champions League

Se in campionato il Milan punta al tris consecutivo (ultima volta il “Grande Torino”), in Europa Baresi e compagni vogliono raggiungere un’altra finale. Dopo aver eliminato Aarau e Copenaghen nei turni preliminari, i rossoneri accedono alla fase a gruppi nel Girone B con Porto, Werder Brema e Anderlecht. Prima dell’ultima giornata, il Milan è primo davanti ai lusitani per appena un punto: il regolamento della Champions League prevede la qualificazione per le prime due alla semifinale in gara unica da giocarsi in casa nelle prime dei due gruppi.

Porto-Milan, due risultati su tre

Il 13 aprile 1994, al “Das Antas” di Oporto, si gioca dunque Porto-Milan. I rossoneri possono anche pareggiare per difendere il primo posto. Queste le formazioni in campo:
PORTO: Vitor Baia, Joao Pinto, Rui Jorge, Aloisio, Fernando Couto, André, Jorge Couto, Rui Felipe, Domingos, Timofte, Drulovic.
MILAN: Rossi, Tassotti, Maldini, Albertini, Costacurta, Baresi, Carbone, Desailly, Boban, Savicevic, Massaro.

Pareggio a reti bianche

La gara Porto-Milan è molto tattica. Massaro lamenta un rigore ma l’arbitro lascia correre. Nella ripresa i rossoneri impegnano Vitor Baia con Massaro, Albertini e Savicevic. L’espulsione di Carbone cambia l’inerzia del match con i portoghesi che si lanciano in avanti ma Sebastiano Rossi alza il muro e blinda il primo posto.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
13 aprile 1994 champions league milan porto Tutto Milan

ultimo aggiornamento: 10-12-2018


Milan-Torino, Walter Mazzarri: “Meritavamo qualcosa in più”

Milan, tra mercato e infortunati: ecco la situazione