Il 2 settembre 1973 Felice Gimondi vinceva il campionato mondiale di ciclismo. Il corridore azzurro sprintò sul traguardo di Barcellona.

Felice Gimondi si è spento pochi giorni fa a causa di un malore durante una vacanza in Sicilia.

2 settembre 1973, il Mondiale

Il 2 settembre di quarantasei anni fa il corridore italiano raggiungeva il culmine della sua carriera, conquistando il campionato mondiale. Sul circuito del Montjuic, a Barcellona, Felice Gimondi si gioca le sue carte. Tutti i corridori devono fare i conti con il belga Merckx, “il cannibale”. Il belga, ferito da un sasso dopo pochi minuti dall’inizio della corsa, riuscì a recuperare e a andare in testa ma sul traguardo rimasero in quattro a giocarsi la vittoria. L’attacco prematuro di Maertens consentì proprio a Gimondi di operare il sorpasso e di vincere il titolo iridato.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Felice Gimondi
fonte foto https://twitter.com/Mauri_Carrara

La carriera del ciclista azzurro

Nato a Sedrina, in provincia di Bergamo, il 29 settembre 1942, Felice Gimondi diventa professionista a 23 anni. Corre con la Salvarani e nel 1965 vince subito il Tour de France. Due anni dopo trionfa anche al Giro d’Italia mentre l’anno successivo chiude la serie dei Grandi Giri con la Vuelta de Espana. Gimondi è stato maglia rosa altre due volte.
Nel 1973 passa alla Bianchi, diretta dal suo grande amico Giancarlo Ferretti. E arriva, appunto, la vittoria al Mondiale.

ultimo aggiornamento: 02-09-2019


“Fidati, ti vengo a trovare”: la lite tra Djokovic e un tifoso agli US Open

Mondiali Basket 2019, secondo successo per l’Italia: 92-61 all’Angola