Il 26 novembre dello scorso anno si è giocata Milan-Torino. I rossoneri non riescono a segnare (Kalinic scheggia il palo) e poi rischiano nel finale. Al termine, Montella viene esonerato.

La stagione 2017/18 sembra essere quella del rilancio per il Milan. Dopo oltre 30 anni il club rossonero passa da Berlusconi ai cinesi, guidati da Yonghong Li. Ai vertici societari vengono nominati Marco Fassone e Massimiliano Mirabelli mentre in panchina c’è la conferma di Montella.

Mercato roboante

La nuova proprietà immette grandi quantità di denaro sul mercato per rilanciare le ambizioni della formazione rossonera. Oltre 200 milioni tra acquisti e obblighi di riscatto: Bonucci, Biglia, Kessié, Calhanoglu, André Silva e Kalinic tra i nomi più significativi.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Vincenzo Montella Niang
Db Carnago (Va) 07/07/2015 – raduno A.C. Milan / foto Daniele Buffa/Image Sport

Aspettative deluse

Se nelle prime sei gare il Milan totalizza 15 punti, Bonucci e compagni segnano il passo con tre sconfitte consecutive tra Sampdoria, Roma e Inter. La vittoria sul Chievo sembra ridare fiato alla formazione meneghina ma poi a San Siro arriva la Juventus con un super-Higuain. Poi vittoria sul campo del Sassuolo e sconfitta a Napoli.

26 novembre, Milan-Torino

Il 26 novembre 2017 si gioca Milan-Torino per la 14/esima giornata. Queste le scelte di Montella e Mihajlovic:
MILAN: Donnarumma, Zapata, Bonucci, Romagnoli, Suso, Kessié, Montolivo, Bonaventura, Rodriguez, André Silva e Kalinic.
TORINO: Sirigu, De Silvestri, Nkoulou, Burdisso, Ansaldi, Baselli, Rincon, Obi, Niang, Belotti e Ljajic.

Kalinic impreciso e non fortunato

Il Milan inizia con grande determinazione ma il destro di Kalinic a colpo sicuro scheggia solamente il palo. Suso impegna Sirigu su punizione. A inizio ripresa sempre Kalinic stacca di testa ma il portiere granata effettua un grande intervento. Poi è il Torino a rendersi pericoloso: colpo di testa di Belotti e ribattuta di Iago Falque ma Donnarumma è strepitoso.

Pareggio e esonero

Al termine dello 0 a 0 la società decide di esonerare Vincenzo Montella. Al posto del tecnico campano viene promosso dalla Primavera Gennaro Gattuso.

milan

ultimo aggiornamento: 09-12-2018


Lazio-Sampdoria, Simone Inzaghi: “Dispiace per i ragazzi”

Mercato Inter, patto di non belligeranza tra Marotta e Paratici