Toyota in evidenza alla 24 Ore di Le Mans 2021. La casa giapponese ha vinto l’edizione numero 89 della competizione.

LE MANS (FRANCIA) – E’ la Toyota l’assoluta protagonista della 24 Ore di Le Mans 2021. La casa giapponese è riuscita con il britannico Mike Conway, con il giapponese Kamui Kobayashi e con l’argentino José Maria Lopes hanno vinto l’edizione numero 89 della competizione.

Si tratta per l’azienda nipponica la quarta vittoria consecutiva in questa manifestazione, ma la Toyota è riuscita a portare a casa il successo anche nella nuova classe Hypecar. Si tratta di un successo importante anche in ottica futura. Da segnalare, inoltre, il secondo posto conquistato sempre con la vettura nipponica da Sebastien Buemi, Kazuki Nakajima e Brendon Hartley. Mentre al terzo posto la Alpine con Nicolas Lapierre, Matthieu Vaxiviere e André Negrao.

Bene la Ferrari

24 Ore di Le Mans che ha regalato soddisfazioni anche alla Ferrari. La scuderia di Maranello si è imposta nella categoria Gran Turismo Lgmte Pro con James Calado, Alessandro Pier Guidi e Come Ledogar e in quella del Gran Turismo Am con Francois Perrodo, Nicklas Nielsen e Alessio Rovera, con quest’ultimo al suo esordio nella competizione.

Si tratta di un ottimo risultato anche in ottica futura. A Maranello c’è voglia di continuare il percorso di crescita e il cammino intrapreso sembra essere quello giusto.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

24 Ore di Le Mans
fonte foto https://www.facebook.com/24heuresdumans/

Appuntamento al 2022

Conclusa questa esperienza (sicuramente molto particolare anche per la pandemia n.d.r.), la 24 Ore di Le Mans dà appuntamento al 2022. La Toyota in questo anno proverà a confermarsi, mentre tutte le altre scuderie sono intenzionate a ‘strappare’ il primato.

Ci attendiamo, come successo già in passato, una gara molto equilibrata, con i dettagli destinati a fare la differenza. E chissà se la prossima edizione regalerà dei nomi importanti.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/24heuresdumans/


Green Pass obbligatorio “ovunque”: nuova stretta sulla certificazione verde?

La Formula 1 conquista i giovani, ecco i risultati di una ricerca