Dopo 9 ore d'interrogatorio, Filippo Turetta confessa: ecco tutta la verità
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Dopo 9 ore d’interrogatorio, Filippo Turetta confessa: ecco tutta la verità

Dopo 9 ore d’interrogatorio, Filippo Turetta confessa: ecco tutta la verità

Omicidio Giulia Cecchettin: i dettagli nel lungo interrogatorio di Filippo Turetta, le contraddizioni emerse durante le nove ore di confronto.

Dopo nove ore intense, l’interrogatorio di Filippo Turetta ha portato alla luce dettagli fondamentali sull’omicidio di Giulia Cecchettin. Il giovane di 21 anni, accusato di questo efferato crimine, ha affrontato le domande incalzanti del pm di Venezia, Andrea Petroni. A differenza del silenzio mantenuto precedentemente, Turetta ha mostrato un mix di emozioni: lunghe pause, lacrime e uno sguardo che alterna momenti di spento distacco a risposte articolate. Tra le sue dichiarazioni, emerge un inquietante “mi è scattato qualcosa in testa“, tentativo di spiegare l’indicibile orrore di quel fatidico 11 novembre.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Giulia Cecchettin murales
Giulia Cecchettin murales

Il contesto dell’omicidio: tra amore e ossessione

Nato il 18 dicembre, Turetta si avvicina ai 22 anni in un contesto drammatico. Arrestato in Germania il 20 novembre, affronta accuse gravi: omicidio volontario aggravato, sequestro di persona e occultamento di cadavere, con possibili aggravanti di premeditazione e crudeltà. Emergono elementi inquietanti: l’acquisto online di nastro adesivo usato nell’omicidio, e le pressioni psicologiche e ricatti subiti da Giulia dopo la fine della loro relazione. Le indagini, coordinate da Petroni, si basano su prove concrete, tra cui i coltelli rinvenuti e le testimonianze delle amiche di Giulia, che rivelano il crescente senso di ansia e paura vissuto dalla ragazza.

L’interrogatorio ha evidenziato un quadro disturbante. Turetta, parlando di “amore“, esercitava un controllo ossessivo su Giulia, arrivando a minacciare il suicidio in sua assenza. Le testimonianze confermano come la ragazza fosse oggetto di pedinamenti e pressioni. La sera dell’omicidio, Giulia aveva acconsentito a una cena a Marghera, non immaginando le tragiche conseguenze. La prima aggressione è avvenuta nel parcheggio a Vigonovo, seguita da ulteriori violenze che hanno portato alla morte di Giulia.

Le immagini sconvolgenti delle telecamere di sorveglianza

Una telecamera di sorveglianza ha catturato le fasi finali dell’aggressione. Le immagini mostrano una Giulia disperata, cercando di sfuggire, prima di essere colpita e caricata sull’auto da Turetta. Il corpo della ragazza, ormai senza vita, è stato poi abbandonato da Turetta a centinaia di chilometri di distanza. Queste immagini sono diventate una prova chiave nell’inchiesta, aggiungendo un livello di concretezza ai racconti e alle dichiarazioni.

Questo interrogatorio rappresenta un momento cruciale nelle indagini sull’omicidio di Giulia Cecchettin. Le ore trascorse con il pm Petroni hanno messo in luce non solo i dettagli del crimine, ma anche la complessità psicologica dell’accusato, Filippo Turetta. La giustizia ora procede, cercando di fare luce su uno dei casi più scottanti e dolorosi della cronaca italiana recente.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 11 Gennaio 2024 20:01

Assassinio di Pierina Paganelli: svelate le verità sull’identikit del killer

nl pixel