9 ottobre 1988, il poker del Milan alla Fiorentina con Donadoni e Virdis stellari

Alla prima giornata del campionato 1988/89, Donadoni e Virdis trascinano il Milan. I rossoneri frantumano la Fiorentina con un roboante 4-0.

chiudi

Caricamento Player...

Pietro Paolo Virdis ha vissuto con il Milan, negli anni della maturazione calcistica, il miglior rendimento personale della carriera, fregiandosi di importanti trofei. Se nel 1987, infatti, l’attaccante sardo aveva vinto la classifica dei capocannonieri con 17 centri, nella stagione successiva ha dato un contributo decisivo alla vittoria dello scudetto con 11 gol. E così, nella stagione 1988/89, a 31 anni di età, l’ex Udinese inizia quella sarà la sua ultima stagione in rossonero. Davanti a lui ci sono dei colossi come Van Basten e Gullit ma il centravanti di Sassari riuscirà ancora a ritagliarsi spazi importanti alla corte di Sacchi, in particolare per via di qualche guaio fisico che subisce Gullit.

Esordio boom contro la Fiorentina

Il campionato 1988/89 inizia tardi rispetto al solito e la prima giornata è fissata per il 9 ottobre. Il calendario abbina al Milan la Fiorentina di Eriksson che arriva a San Siro per contendere i due punti ai rossoneri. Nella passata stagione, i Viola mandarono ko gli uomini di Sacchi alla seconda giornata, nonostante una grande prestazione di Baresi e compagni. Il tecnico di Fusignano, senza Gullit, Evani e Maldini, decide per la coppia d’attacco Van Basten-Virdis. L’avvio del Milan è buono e Donadoni batte Landucci con un sinistro da fuori area diretto sotto l’incrocio. All’intervallo i rossoneri sono avanti di misura.

Virdis scatenato!

Nella ripresa, il Milan non riesce a chiudere il match fino al 78′, quando Van Basten viene steso al limite dell’area di rigore: Virdis fa partire un destro potentissimo che si insacca in rete. Pochi minuti dopo, i rossoneri calano il tris con un’azione spettacolare rifinita da Donadoni per la facile conclusione vincente dell’attaccante sardo. Infine, Virdis si procura e trasforma un calcio di rigore, fissando il risultato finale sul 4-0.