Accollo del Mutuo quando è possibile e quando invece non si realizza

Accollo Mutuo cosa bisogna sapere

Cos’è l’accollo di un mutuo? Perché si sceglie di farlo? Molte sono le ragioni che verranno esplorate a seguire nel testo.

Accollo dei Mutui e necessità primarie

Le necessità primarie possono spingere le persone a trovare conveniente – e spesso lo è – un accollo di un mutuo esistente.

Ecco cosa si intende con i termini “accollo mutuo”.

Mettiamo il caso siate persone che hanno necessità di acquistare un abitazione, che risultasse gravata da un prestito di questo genere attualmente in corso e non completamente saldato, in quella eventualità se optaste per l’acquisto dell’immobile vi accollereste anche la cifra rimanente del mutuo, subentrando negli obblighi assunti dal contraente originario del mutuo.

Il Contratto

L’accollo dei mutui si realizza come un contratto che viene stipulato tra il mutuatario primario (ovvero quello che contratto la prima volta il mutuo) e la persona che intende acquistare l’immobile gravato dal suddetto mutuo.

Altro termine che si può riscontrare specie in Italia dove è quasi la norma ormai un accollo di questo genere, è il termine “cumulativo”.

In tali circostanze si parla di accollo assistito da ipoteca connesso all’adesione delle banche creditrici che non svincolano del tutto il mutuatario originario.

In tali circostanze si parla di accollo assistito da ipoteca connesso all’adesione delle banche creditrici che non svincolano del tutto il mutuatario originario.

  • Contraente originario
  • Subentrante

Entrambi così facendo restano responsabili del mutuo per come questo è stato sottoscritto all’origine ed entrambi si dovranno impegnare nell’estinzione dello stesso.

Accollo Liberatorio

Altra terminologia che si mette in atto quando il contraente originario (o meglio il debitore originario) chiede alla Banca di svincolarsi completamente dal pagamento del mutuo facendo appunto subentrare un altro soggetto a rimborsare le rate rimanenti.

In ogni caso va detto che l’accollo dei mutui non prevede alcun tipo di spesa aggiuntiva ma al contempo le banche possono sempre (e autonomamente) decidere di rifiutare la domande di accollo liberatorio posta da chi vende un immobile gravato da tale tipologia di prestito a lungo termine, ciò generalmente avviene quando l’Istituto di Credito non veda nel subentrante i requisiti della capacità di credito.

certificato_unicasim

ultimo aggiornamento: 07-02-2017

X