E’ dura la reazione dell’Europa e della Cina alla decisione di Donald Trump di far uscire gli Stati Uniti dagli accordi di Parigi.

Continuano le polemiche sulla decisione di Donald Trump di far uscire gli Stati Uniti dagli Accordi di Parigi. L’Europa ma anche le altre nazioni si sono dette sconcertate da questa decisione che potrebbe cambiare tutti gli equilibri degli accordi mondiali ma soprattutto hanno confermato la loro idea che non si possono fare passi indietro: l’uscita degli USA deve essere definitiva e non devono esserci ripensamenti.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Europa e Cina in coro: “Nessun ripensamento. Ora non si torna indietro”

E’ arrivata poco fa la nota congiunta di Angela Merkel, Paolo Gentiloni ed Emmanuel Macron in cui prendono atto con rincrescimento della decisione di ritirarsi dall’accordo sul clima. “L’Accordo di Parigi – scrivono – rimane una pietra angolare della cooperazione tra i nostri paesi per affrontare efficacemente e tempestivamente i cambiamenti climatici e per attuare gli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda del 2030. Crediamo fermamente che l’accordo di Parigi non possa essere rinegoziato, in quanto strumento vitale per il nostro pianeta, le società e le economie. Siamo convinti che l’attuazione dell’accordo di Parigi offra grandi opportunità economiche per la prosperità e la crescita nei nostri paesi e su scala globale“.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 02-06-2017


Filippine, 36 morti a Manila in un resort. L’Isis rivendica, la Polizia non conferma

Allarme terrorismo, interrotto in Germania il festival ‘Rock am Ring’