Il 15 gennaio sarà messo nero su bianco l’accordo commerciale tra Usa e Cina. Una firma che dovrebbe mettere fine ai dazi.

WASHINGTON (STATI UNITI) – E’ il 15 gennaio 2020 il giorno scelto per mettere nero su bianco l’accordo commerciale tra Usa e Cina. L’annuncio è arrivato direttamente da Donald Trump sui social.

La cerimonia – ha precisato il presidente americano – si terrà alla Casa Bianca e saranno presenti rappresentati di alto livello della Cina. In seguito, andrò a Pechino dove inizieranno i colloqui sulla fase due“. Una firma che dovrebbe mettere la parola fine (forse definitiva) ai dazi tra le due potenze mondiali.

Nessun incontro tra Trump e Xi Jinping

La firma dell’accordo commerciale non sarà anticipata da un incontro tra Trump e Xi Jinping. Il presidente americano, come riferito dai media statunitensi, sperava di incontrare il leader cinese per mettere nero su bianco questa intesa ma dalla Cina hanno smentito questa ipotesi.

A Washington andrà il vice primo ministro. Si tratta di un profilo meno politico ma più tecnico per dare vita all’accordo commerciale che è solo un punto di partenza per le due forze mondiale a livello economico. Il testo è di 86 pagine e riguarda la ‘fase uno’ del negoziato.

Donald Trump
Donald Trump

Massimo riserbo sul testo

Massimo riserbo sul testo. Da Pechino e da Washington nessuna anticipazione riguardo al mini accordo commerciale trovato. Le indiscrezioni parlano di promesse da parte della Cina di comprare soia americana e altri prodotti agricoli per una cifra che si dovrebbe aggirare intorno ai 50 miliardi di dollari.

Dall’altra parte Trump si è detto disposto a bloccare l’introduzione dei dazi americani per 160 miliardi, oltre che ridurre quelli introdotti a settembre. Si tratta, comunque, di un lungo negoziato che è solo alla fase uno. La seconda parte di questo accordo è attesa nelle prossime settimane con il presidente americano atteso in Cina.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
accordo commerciale usa cina Dazi Donald Trump economia

ultimo aggiornamento: 02-01-2020


Di Maio contro Autostrade: “Bisogna riprenderci la gestione”

Cenone di Capodanno, spese per 2,4 miliardi di euro