Accordo tra Oxford e l'Italia per il vaccino, tutti i dettagli

Coronavirus, accordo tra Oxford e l’Italia per il vaccino. Conte: “Vogliamo essere in prima fila nella ricerca”

Accordo tra Oxford e l’Italia per il vaccino. Speranza: “400 milioni di dosi per la popolazione europea”.

ROMA – E’ stato firmato l’accordo tra Oxford e l’Italia per il vaccino. L’annuncio è arrivato direttamente dagli Stati Generali con il ministro della Salute, Roberto Speranza, che ha rivelato di aver sottoscritto un contratto con AstraZeneca per l’approvvigionamento fino a 400 milioni di dosi “da destinare a tutta la popolazione europea“.

L’intesta è stata firmata anche da Germania, Francia e Olanda che proseguono con Roma la collaborazione per trovare il prima possibile la cura contro il coronavirus.

Il ministro: “Vaccino pronto entro la fine dell’anno”

L’annuncio dell’accordo è stato dato dal ministro Speranza durante la prima giornata degli Stati Generali: “L’impegno prevede che il percorso di sperimentazione si concluda entro la fine dell’anno con la prima tranche di dosi. Con questa firma facciamo un primo passo avanti per l’Italia e per l’Europa“.

Roberto Speranza
Roma 09/09/2019 – Camera dei Deputati voto di fiducia al nuovo Governo / foto Samantha Zucchi/Insidefoto/Image nella foto: Roberto Speranza

Il titolare del Dicastero della Salute ha anche ricordato che “il vaccino è l’unica soluzione per sconfiggere definitivamente il coronavirus. Per me andrà sempre considerato un bene pubblico globale, diritto di tutti, non privilegio per pochi“.

Una notizia molto bella e importanteInsieme ai Ministri della Salute di Germania, Francia e Olanda, dopo aver lanciato…

Pubblicato da Roberto Speranza su Sabato 13 giugno 2020

Conte: “Italia in prima linea nell’approvvigionamento del vaccino”

Una notizia che è stata commentata anche dal premier Conte con un breve post sui social: “All’Italia – scrive il presidente del Consiglio – è stato riconosciuto di essere tra i primi Paesi a dare una risposta adeguata. E anche con questa notizia dimostriamo che vogliamo essere in prima linea nell’approvvigionamento di un vaccino, nella ricerca e nelle terapie che allo stato risultano essere più promettenti“.

All’Italia, che è stata la prima in Europa a conoscere da vicino questo virus, oggi è stato riconosciuto di essere tra i…

Pubblicato da Giuseppe Conte su Sabato 13 giugno 2020

Le prime dosi del vaccino sono attese entro la fine del 2020 con la battaglia contro il coronavirus che sembra essere vicina ad una svolta definitiva.

Scarica QUI la guida con tutte le precauzioni da prendere per limitare il contagio da coronavirus

ultimo aggiornamento: 14-06-2020

X