E’ ufficiale l’accordo tra la Nutella e McDonald’s per la nascita del McCrunchy Bread. Il prodotto sarà disponibile dal prossimo 12 febbraio.

ROMA – E’ ufficiale l’accordo tra la Nutella e il McDonald’s per la nascita del McCrunchy Bread, un panino leggermente tostato che al suo interno avrà 18 grammi di Nutella. Il nuovo prodotto sarà disponibile in tutte le catene dell’azienda americana dal prossimo 12 febbraio anche se i più fortunato hanno potuto assaggiarlo in anteprima a Milano, Roma, Napoli e Bari in occasione del World Nutella Day, festeggiata lo scorso 5 febbraio.

Il nuovo McCrunchy Bread

La nascita del McCrunchy Bread può essere l’inizio di una lunga collaborazione tra due brand molto forti come Nutella e McDonald’s. “I nostri clienti – ha detto il Ceo italiano dell’azienda americana citato da Il Sole 24 Oreda tempo chiedevano un prodotto simile e abbiamo studiato il lancio per circa un anno“.

Si tratta di un classico panino da merenda e da colazione che ora è possibile consumare anche fuori casa e non solo tra le mura domestiche. Un potenziale importante per questo prodotto che presto potrebbe essere esportato anche fuori dal nostro Paese. Il prezzo? Solo un euro e quaranta con il McDonald’s che spera di riuscire a vendere sei milioni di pezzi in un anno.

Nutella
fonte foto https://www.facebook.com/Nutella.Italy

La nuova scommessa di Nutella

Il McCrunchy Bread può essere interpretata come una nuova scommessa da parte di Nutella. L’azienda di Alba non è nuova a queste azioni basta vedere i Nutella B-ready e i Nutella buscuits che hanno permesso a Ferrero di aumentare le proprie quote di mercato.

Ora la nascita della collaborazione con McDonald’s che potrebbe portare nuovi introiti nella società piemontese oltre che dei prodotti innovativi da mettere sul mercato italiano (ed estero) nei prossimi mesi con le concorrenti che chiamati a reagire per non rimanere un passo indietro rispetto all’azienda di Alba.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/Nutella.Italy


Bce, Christine Lagarde: “Coronavirus è fonte di preoccupazione”

Mercato auto, il 2020 inizia in calo: -5,9 per cento a gennaio