Riforma Copyright, accordo trovato

Parlamento e Commissione Ue trovano l’accordo sulla riforma del Copyright. Tajani: “Proteggiamo la creatività europea”.

Cambiano le regole del Copyright. Dopo mesi di discussioni, dibattiti e confronti, Parlamento e Commissione europea hanno trovato la quadra e soprattutto l’intesa sulla normativa legata al diritto d’autore.

Riforma del Copyright, accordo raggiunto tra il Parlamento e la Commissione Ue

Il nuovo accordo prevede un conguaglio economico maggiore per editori, artisti, autori e tutti i creativi che producono opere originali, artistiche, scritte, musicali e altro.

ANTONIO TAJANI
ANTONIO TAJANI

Le negoziazioni tra le parti si sono svolte a Strasburgo e hanno avuto al centro un ostacolo di dimensioni notevoli come Google (ma anche Facebook e Youtube), chiamato a d adeguarsi, come gli altri colossi della rete, alle nuove normative.

Il tweet del Parlamento europeo: “I creativi sono rafforzati”

La notizia è stata ufficializzata sui profili social del Parlamento europeo che ha twittato alla fine dei lavori annunciando il raggiungimento dell’accordo

I creativi inclusi musicisti, attori, giornalisti sono rafforzati“, recita una parte del tweet.

Tajani: “Difendiamo la creatività europea, ora giusta remunerazione anche dai giganti del web”.

Con l’accordo appena raggiunto sulla direttiva del copyright proteggiamo la creatività europea. Musicisti, attori, scrittori, giornalisti, audiovisivo, avranno diritto a una giusta remunerazione anche dai giganti del web“, ha dichiarato Antonio Tajani esultando per il risultato raggiunto dopo mesi di discussioni per arrivare a un testo che potesse essere condiviso da tutti i paesi dell’Unione europea.

Il raggiungimento dell’accordo è stato accolto con grande entusiasmo anche dal mondo dell’editoria, con le associazioni di categoria che hanno fatto sapere di augurarsi che il testo venga ratificato in tempi brevi diventando così realtà.


ultimo aggiornamento: 14-02-2019

X