Accordo tra M5s e Rousseau sui dati degli iscritti. Conte sui social: “Ora inizia una nuova pagina”. Casaleggio lascia il M5s.

ROMA – Accordo tra M5s e Rousseau sui dati degli iscritti. Il MoVimento, dopo un lungo braccio di ferro, è riuscito ad ottenere tutti i dati degli iscritti ed entro fine giugno dovrebbe essere messo online il voto per il nuovo statuto e il leader (Conte unico candidato n.d.r.) per dare vita ad una nuova pagina del partito.

Un cambio di passo che ha portato Davide Casaleggio a lasciare il MoVimento. Il presidente dell’associazione Rousseau, infatti, ha deciso di terminare la propria esperienza con il M5s.

L’accordo

L’accordo tra il M5s e Rousseau è arrivato pochi giorni dopo la sentenza del Garante della Privacy. Secondo le ultime indiscrezioni riportate dal Corriere della Sera, Casaleggio potrebbe ricevere circa 250mila euro (450mila quelli richiesti) per i mancati pagamenti con la somma versata in due tranche.

Questa decisione presa dal M5s ha sbloccato la trattativa con Casaleggio che si è visto obbligato a fare un passo indietro e cedere i dati degli iscritti al MoVimento. Ora l’ex premier Conte sembra essere pronto a diventare il leader dei pentastellati e l’ufficialità è attesa entro fine giugno quando ci sarà il voto su Rousseau.

Davide Casaleggio
Davide Casaleggio

L’annuncio di Conte

L’annuncio dell’accordo è stato dato da Conte con un lungo post su Facebook. “Ci prendiamo solo qualche giorno per verificare i dati – ha detto l’ex premier – e nei prossimi giorni il nuovo progetto politico sarà rivelato e discusso […]. Sarà aperta una fase per le osservazioni degli iscritti ed entro la fine di questo mese ci sarà la pronuncia con un voto online prima sullo Statuto e successivamente sul nuovo leader M5s […]. E’ tempo di guardare avanti, di essere realisti ma anche di lavorare per realizzare l’impossibile […]“.

TAG:
primo piano

ultimo aggiornamento: 05-06-2021


Caso Mancini, termina l’esperienza nei Servizi segreti per l’ex maresciallo dell’Arma

Marco Minniti, ex ministro dell’Interno del Governo Gentiloni