Adam e Ramy cittadini italiani. I due eroi dell’autobus in fiamme a Milano hanno finalmente ottenuto la cittadinanza.

MILANO – Adam e Ramy sono cittadini italiani. La celebrazione per i due ‘ragazzi eroi’ si è svolta nella Sala dei Ricevimenti del Comune di Crema dove gli è stata conferita la cittadinanza.

Cittadini dei nostri cuori – ha dichiarato il sindaco della città lombarda – prima ancora che dell’Italia. Un Paese che vi chiediamo di continuare ad amare e servire“.

La vicenda

La vicenda risale allo scorso 20 marzo. I due ragazzini erano a bordo di un autobus dato alle fiamme dall’autista di origine egiziana. Il loro intervento è stato decisivo per salvare la vita agli altri ragazzi presenti sul mezzo. Una vicenda che ha fatto il giro dell’Italia ma non solo.

Le polemiche non sono mancate anche se alla fine il Consiglio dei ministri ha deciso di dare il via libera a questa cittadinanza. Ramy e Adam ora sono ufficialmente italiani e per loro sicuramente nei prossimi mesi la vita sarà diversa e dovranno cercare di lasciare alle spalle le polemiche degli ultimi tempi.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Adam e Ramy
fonte foto https://twitter.com/Damiano_Coletta

Le polemiche

L’incendio dell’autobus di Milano ha provocato diverse polemiche sia nella politica che nella vita di tutti i giorni. La prima chiusura per quanto riguarda la cittadinanza è arrivata da Matteo Salvini anche se poi il ministro dell’Interno aveva fatto un passo indietro.

Dopo mesi di silenzio a giugno si è sbloccata la vicenda con il Consiglio dei ministri che ha dato il via libera a consegnare la cittadinanza a Ramy e Adam. La cerimonia si è svolta nella giornata di sabato 27 luglio 2019 a Crema. Per i due ragazzi si apre una parte della loro vita da italiani. E le polemiche degli ultimi tempi vengono messe finalmente da parte.

fonte foto copertina https://twitter.com/Damiano_Coletta


Carabiniere ucciso a Roma, cosa è successo realmente? La ricostruzione e le zone d’ombra della vicenda

Nuovo incidente in piscina, morta una bambina di 4 anni