Nuove indiscrezioni sull’aereo dell’Ethiopian Airlines caduto ad Addis Abeba. Il pilota non si sarebbe mai esercitato sul simulatore di volo.

È una notizia decisamente allarmante quella rilanciata dalla CNN, che ha fatto sapere di aver contattato due piloti per provare a fare luce sulla tragedia del Boeing 737 Max 8, quello della tragedia dell’Ethiopian Airlines, caduto a pochi chilometri da Addis Abeba sei minuti dopo il decollo.

E la scoperta della CNN getta più di un dubbio sulla vicenda. Sembra infatti che i piloti per mettersi alla guida del nuovo Boeing abbiano dovuto sostenere un corso online autogestito. Stop. E c’è di più. Tale corso non avrebbe affrontato né menzionato il software al momento finito al centro delle indagini sui recenti disastri aerei.

Green Pass obbligatorio, tutte le regole da rispettare

Boeing 737 Max 8, un corso di pochi minuti a disposizione dei piloti

Stando a quanto riferito dalla CNN, i piloti avrebbero avuto a disposizione un breve corso di aggiornamento in cui venivano illustrate le principali differenze tra il nuovo Boeing e il vecchio 737 Max. Un corso in cui però non si sarebbe fatta menzione del software progettato per evitare che l’aereo andasse in stallo.

Doveva essere una svolta nel campo della sicurezza, invece è al centro delle inchieste delle autorità e non si esclude che proprio un malfunzionamento di questo software possa avere causato centinaia di vittime.

Ethiopian Airlines
Fonte foto: https://www.facebook.com/EthiopianAirlines.IT

Aereo dell’Ethiopian Airlines caduto: “Il pilota non era addestrato”

Un pilota dell’Ethiopian Airlines, intervenuto ai microfoni di Reuters, ha fatto sapere che il suo collega alla guida dell’aereo caduto non si sarebbe mai esercitato sul simulatore di volo, una notizia che potrebbe essere letta come una conferma di quanto riferito dalla CNN o che potrebbe indicare una grave mancanza da parte della compagnia aerea etiope.

ultimo aggiornamento: 22-03-2019


Esplosione in un impianto chimico, decine di morti in Cina

Tav, Macron gela Conte: È un problema italiano, io non ho tempo da perdere