L’affluenza alle elezioni Amministrative 2021 è forte calo rispetto ai cinque anni precedente. Flop a Milano e Torino.

ROMA – L’affluenza alle elezioni Amministrative 2021 sotto le aspettative. Dai dati comunicati dal Viminale, in Italia alle 15 di lunedì 4 ottobre 2021 ha votato il 54,64% degli aventi diritti al voto. Un forte calo rispetto al 2016 quando si erano presentati alle urne il 61,58% delle persone (ma si votava un solo giorno n.d.r.).

Una flessione, registrata in tutto il Paese, che conferma un allontanamento dei cittadini dalla politica. Sicuramente nei prossimi mesi tutti i leader saranno chiamati in campo per riportare gli italiani a votare alle elezioni previste nel 2022 nel nostro Paese.

Amministrative 2021, i dati sull’affluenza nelle principali città

Dando uno sguardo alle principali città, Milano e Torino hanno registrato un record in negativo. Nel capoluogo lombardo, come riportato dal Viminale, è andato a votare il 47,6% degli aventi diritto al voto rispetto al 54,6% del 2016. Un calo ancora più importante se si guarda al 2011 (67,5%).

Anche il capoluogo piemontese ha visto un importante calo nell’affluenza. Il 48,06% è andato a votare in confronto al 57,18% cinque anni fa. Numeri negativi anche nelle altre città: Roma ha segnato il 48,83% (nel 2016 il dato era del 57,03%), a Bologna il 51,6% rispetto al 59,6% di cinque anni fa. A Napoli è andato a votare il 47,19%, percentuale più bassa di sempre ad un primo turno.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Elezioni Coronavirus
Elezioni Coronavirus

I numeri delle suppletive

Numeri negativi anche per quanto riguarda le suppletive. Secondo quanto riferito dal ministero dell’Interno, a Siena ha votato il 35,93% degli aventi diritto al voto, 15 punti in meno della metà e anche in questo caso a vincere sono stati i dubbi dei cittadini nei confronti della politica. Numeri più alti a Primavalle (Roma) anche se al di sotto del 50%.

ultimo aggiornamento: 04-10-2021


Fumio Kishida il nuovo premier del Giappone

Elezioni, Roma e Torino al ballottaggio. Al Centrosinistra Milano, Napoli e Bologna