Si combatte nel Panjshir, nel nord-est dell’Afghanistan. La resistenza ai Talebani, guidata dal figlio di Massoud, sta perdendo terreno. E si rischia una crisi umanitaria.

BAZARAK – L’ultimo baluardo ai Talebani è rappresentato dalla Resistenza del Panjshir. Dopo il ritiro delle truppe Nato dall’Afghanistan e la rapida presa del potere da parte degli islamisti, questa valle situata nell’area nord orientale non ha ceduto, combattendo metro su metro.

La Resistenza del Panjshir

La provincia è sempre stata strategicamente e simbolicamente molto importante. È la terra natale di Aḥmad Shāh Massoud, nonché l’area nella quale il leader tagiko resistette alle offensive sovietiche nel corso dell’invasione dell’Afghanistan. Dopo il ritiro dell’Urss, fu una delle pochissime province a non sottomettersi al dominio talebano. Massoud è stato ucciso da Al Qaeda nel 2001.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

https://www.youtube.com/watch?v=Z-AjRa8HiX8

Afghanistan nelle mani dei Talebani

Ora a capo del movimento c’è il figlio Ahmed, il quale ha dichiarato che non si arrenderanno mai al jihadismo. Tuttavia, la resistenza fa fatica a tenere le proprie posizioni, mentre in molti fuggono dai villaggi, innescando una potenziale crisi umanitaria. Lo rivelano fonti locali, secondo le quali i jihadisti, ormai dotati di armi moderne confiscate all’ex esercito esercito regolare afghano e di unità di élite, avrebbero conquistato nuovi distretti nella valle.

Ambasciata italiana in Qatar

Intanto Luigi Di Maio ha annunciato che l’ambasciata italiana si sposta in Qatar per continuare a seguire da vicino la crisi afghana.

ultimo aggiornamento: 05-09-2021


Juve, morto a soli 17 anni Bryan Dodien. Pogba: “Non ti dimenticherò mai”

I numeri dell’emergenza coronavirus, il punto della settimana