Secondo il quotidiano svedese Aftonbladet Zlatan Ibrahimovic rischierebbe una lunga squalifica per essere comproprietario di una società di scommesse.

Secondo quanto riferito da Aftonbladet, il campione del Milan Zlatan Ibrahimovic sarebbe comproprietario di una società di scommesse: se l’accusa fosse fondata, lo svedese rischierebbe una maxi multa e tre anni di squalifica.

Aftonbladet, Ibrahimovic comproprietario di una società di scommesse

Secondo il quotidiano svedese Aftonbladet, Zlatan Ibrahimovic sarebbe comproprietario di una società di scommesse. Una gravissima violazione per un calciatore. Il rischio, nel caso in cui la denuncia fosse fondata e confermata, è di una maxi multa e fino a tre anni di squalifica.

La società di scommesse in questione è la Bethard. La società ha sede a Malta e Ibra ne sarebbe comproprietario.

Al momento non sono arrivate dichiarazioni ufficiali da parte delle parti interessate nella vicenda ma la sensazione è che si continuerà a parlare di questa questione spinosa.

Zlatan Ibrahimovic
Zlatan Ibrahimovic

La ricostruzione del quotidiano svedese

Secondo le ricostruzioni del quotidiano svedese, Ibrahimovic sarebbe entrato nella società nel 2018. O meglio sarebbe diventato comproprietario della società nel 2018 con un’operazione riconducibile alla sua Unknown AB. Questa operazione, secondo il quotidiano, avrebbe impedito al campione svedese di prendere parte al Mondiale di calcio disputato in Russia.

Ibrahimovic rischia una sanzione e una lunga squalifica

Se la ricostruzione fosse confermata, Ibrahimovic avrebbe violato i regolamenti prendendo parte alla sfida di Europa League contro lo Shamrock Rovers nel 202 e prendendo parte alla sfida tra la sua Svezia e la Georgia.

La FIFA, se tutto fosse confermato, dimostrato e provato, potrebbe procedere con una sospensione di tre anni dalle attività legate al mondo del calcio, sostanzialmente mettendo la parola fine alla straordinaria carriera del campione.

TAG:
calcio news milan

ultimo aggiornamento: 14-04-2021


Roma-Ajax, Fonseca: “Il discorso qualificazione non è chiuso” – VIDEO

Razzismo nel calcio, la Uefa ferma per 10 giornate Ondrej Kudela (Slavia Praga)