Un agente di polizia è stato denunciato per aver picchiato un dimostrante durante gli scontri a Roma.

ROMA – Un agente di polizia è stato denunciato per aver picchiato un dimostrante durante gli scontri a Roma. Come riportato dall’Ansa, il poliziotto si è presentato spontaneamente in Questura dopo che le immagini lo riprendono mentre colpisce un manifestante a terra.

La vicenda è stata segnalata all’autorità giudiziaria e ne valuterà l’operato. Nessuna decisione, dunque, è ancora stata presa e nei prossimi giorni saranno prese delle decisioni importanti.

Agente incastrato da un video

L’agente è stato ‘incastrato’ da un video. Nel filmato si vede il poliziotto picchiare un dimostrante a terra durante il caos nella Capitale. In altre immagini, invece, l’uomo è stato immortalato mentre si trova tra i manifestanti a Piazzale Flaminio.

L’episodio è stato immediatamente segnalato all’autorità giudiziaria, la quale dovrà prendere una decisione sull’agente. Il poliziotto si è subito presentato in Questura in modo spontaneo e ha raccontato la sua versione. Si tratta di una vicenda sicuramente molto delicata e per questo motivo nei prossimi giorni non si esclude la possibilità di un nuovo interrogatorio da parte dell’agente per provare a capire meglio cosa è successo in quella piazza. Gli inquirenti presto potrebbero entrare in possesso anche di altri filmati per provare a ricostruire gli attimi prima dell’aggressione.

Polizia
Polizia

La nota della Questura

La Questura, inoltre, in una nota ha voluto precisare che il responsabile di questo gesto non è un dirigente della polizia. Il comunicato è arrivato dopo che un post sui social riconduceva proprio a quest’ultimo tali condotte, ma in realtà il poliziotto è risultato estraneo ai fatti.

Per quanto pubblicato l’utente è stato denunciato per diffamazione e calunnia. Nelle ore successive si è scoperto che il responsabile è un agente che si è subito recato in Questura per raccontare la sua versione.

ultimo aggiornamento: 11-10-2021


Apologia del fascismo, che cos’è e cosa prevede la legge in Italia

Rapina in un ristorante nel Napoletano, armi puntate contro i bambini