Un macedone di 32 anni a Civitanova Marche ha aggredito la sua ex fidanzata. La donna non è in pericolo di vita, fermato l’uomo.

CIVITANOVA MARCHE (MACERATA) – Nuova aggressione nei confronti di una donna in Italia. Un macedone di 32 anni nella serata di sabato 17 novembre 2018 a Civitanova Marche, in provincia di Macerata, ha aggredito la fidanzata dentro un ristorante. La donna si era rifugiata all’interno del locale per cercare di difendersi dall’ira dell’ex compagno che prima le ha lanciato l’acido addosso e poi l’ha accoltellata alla schiena.

Immediata la chiamata ai carabinieri che hanno fermato l’uomo. “Mi ha rovinato la vita, dovevo ammazzarla“, così si è giustificato il fermato ad alcuni clienti presenti nel locale.

Carabinieri
Carabinieri (fonte foto https://www.facebook.com/carabinieri.it/)

Aggressione a Civitanova Marche, ecco i motivi del gesto

Secondo una prima ricostruzione fatta dagli inquirenti, il movente di questo gesto sarebbe la gelosia. Il macedone non avrebbe mai accettato il lavoro di ballerina della donna di origine romena in un night club. Così nella serata di sabato prima le ha lanciato un po’ di acido e poi l’ha colpita con un coltello all’interno di un locale.

Le condizioni della ragazza non sembrano molto gravi. La 30enne è stata sottoposta ad un intervento chirurgico, perfettamente riuscito. Nelle prossime ore dovrebbe essere sciolta la prognosi anche se le ferite all’occhio causate dall’acido preoccupano un po’ i medici.

A breve la vittima sarà ascoltata dagli inquirenti per capire meglio la dinamica e i motivi di questo tragico gesto. L’uomo – bracciante agricolo – è stato fermato e portato in carcere. Nelle prossime ore sarà ascoltato dal magistrato che dovrà convalidare il fermo.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/carabinieri.it/


Papa Francesco: “Il grido dei poveri diventa sempre più forte”

Rimini, scossa di terremoto di magnitudo 4.2