Un uomo di 43 anni è rimasto ferito in un agguato a Praia a Mare, in provincia di Cosenza. Indagini in corso.

PRAIA A MARE (COSENZA) – Un agguato ha scosso la notte tra il 21 e il 22 agosto di Praia a Mare, città in provincia di Cosenza. Un uomo di 43 anni, come riportato da La Repubblica, è stato ferito al bacino e alle gamme nei pressi di uno dei locali più frequentati della zona.

La Procura ha subito aperto un’indagine per accertare meglio quanto successo e provare a risalire ai responsabili di questa aggressione. I punti da chiarire sono diversi e per questo motivo non si esclude nessuna ipotesi almeno fino a quando non si hanno delle prove certe.

Sparatoria nel Cosentino, ferito un uomo di 43 anni

La ricostruzione di quanto successo è ancora al vaglio degli inquirenti. Secondo le prime informazioni, la vittima è stata raggiunta da alcuni colpi di pistola nei pressi di un locale molto frequentato della zona. Gli autori di questo agguato hanno subito fatto perdere le proprie tracce e le ricerche per rintracciarli continuano.

Le forze dell’ordine hanno già ascoltati i testimoni che hanno assisto a quanto successo per provare ad identificare i responsabili e soprattutto capire il perché di questo agguato. I punti da chiarire sono diversi e gli inquirenti preferiscono non escludere nessuna ipotesi almeno fino a quando non si hanno delle prove certe.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Ambulanza
Ambulanza

Le condizioni del 43enne

La vittima dell’agguato subito dopo la sparatoria è stata trasportata in ospedale per effettuare i primi accertamenti. Non sarebbe in pericolo di vita e gli inquirenti presto lo potrebbero ascoltare per provare a capire il motivo della sparatoria.

Una vicenda che ha ancora diversi punti da chiarire e gli inquirenti sono al lavoro per capire meglio l’accaduto e provare a ricostruire il motivo della sparatoria avvenuta nel Cosentino.

ultimo aggiornamento: 22-08-2021


Papa Francesco: “Riconosciamo Gesù nelle persone che incontriamo sulla strada della vita”

La notte della Luna Blu, ecco perché si chiama così