Agricoltore di 60 anni morto nel Reggiano. L’uomo sarebbe caduto in una vasca dei liquami. Indagini in corso.

POIAGO DI CARPINETI (REGGIO EMILIA) – Un agricoltore di 60 anni è morto nel Reggiano nelle prime ore di domenica 21 febbraio 2021. Come scritto da La Repubblica, l’uomo era impegnato nella sua azienda agricola quando, per motivi ancora da accertare, è caduto in una vasca di liquami.

Immediata la chiamata dei soccorsi, ma i medici non hanno potuto fare altro che constatare il decesso. Il corpo ormai senza vita è stato recuperato dai vigili del fuoco. Aperta un’indagine per cercare di ricostruire meglio la dinamica dell’incidente. L’ipotesi più probabile sembra essere quella di un tragico incidente.

Escursionista morto sulle Alpi Apuane

Una caduta è stata fatale anche per un escursionista sulle Alpi Apuane. L’uomo era impegnato, insieme ad alcuni amici, su sentiero che porta al Monte Taburra quando ha perso l’equilibrio ed è precipitato nel vuoto.

A chiamare i soccorsi sono state proprio le persone che erano con lui. I medici non hanno potuto fare altro che constatare il decesso del 45enne. Secondo le prime informazioni, il decesso potrebbe essere stato causato dai traumi provocati dalla caduta.

Ambulanza
Db Milano 07/10/2009 – Ospedale Niguarda / foto Daniele Buffa/Image nella foto: ospedale Niguarda ambulanza

Il bilancio si aggrava

Quattro incidenti in poche ore in Italia. Nella giornata di sabato un escursionista di soli 20 anni aveva perso la vita a Sestriere dopo il cedimento di una balaustra. Il giovane si trovava appoggiato quando, per motivi ancora da accertare, è crollata. Per la vittima non c’è stato niente da fare.

Grave incidente sul lavoro anche in provincia di Lecco. Un uomo è morto dopo essersi capovolto con il suo escavatore. Un bilancio che continua aggravarsi e sembra destinato ad aumentare nelle prossime settimane. Nel penultimo weekend di febbraio i morti sono stati quattro da Nord a Sud.


Papa Francesco: “Nelle tentazioni mai dialogare con il diavolo”

Vaccini Covid, intesa raggiunta tra medici di base, Governo e Regioni