Air Italy in liquidazione, voli previsti fino al 25 febbraio

Air Italy in liquidazione, 1.200 posti a rischio

Air Italy in liquidazione. La compagnia volerà fino al prossimo 25 febbraio. A rischio 1.200 posti di lavoro. Ryanair si tira indietro.

ROMA – Air Italy è ufficialmente in liquidazione. La decisione è stata presa al termine dello straordinario consiglio di amministrazione di martedì 11 febbraio 2020 che ha confermato il momento non facile della compagnia. I velivoli – si precisa nel comunicato citato da Agi voleranno fino al prossimo 25 febbraio mentre i biglietti delle tratte successive saranno rimborsati integralmente o riprotetti.

A preoccupare è soprattutto il futuro dei dipendenti. Anche perché la Ryanair, che sembrava potesse essere un’ancora di salvataggio, si è defilata facendo sapere di non essere interessata.

A rischio 1.200 posti

La messa in liquidazione di Air Italy potrebbe costare il posto di lavoro a 1.200 persone, di questi ‘solo’ 550 lavorano in Sardegna. “Non si rischiano solo buste paga – ha detto Arnaldo Boeddu segretario della Fit Cgil regionale – ma bisogna considerare anche la perdita delle imposte sugli introiti che la compagnia con sede a Olbia versava in Sardegna. Oltre a ciò va via un ‘know how’ che una volta perduto non tornerà più con un ulteriore impoverimento dell’isola. Chiediamo un intervento da parte del Governo per far cambiare idea alla compagnia“.

Nessun passo indietro da parte dei gestori di Air Italy che hanno confermato la propria decisione di mettere in liquidazione l’azienda. Il Mit ha convocato la compagnia per il 21 febbraio per un vertice straordinario.

Air Italy
fonte foto https://twitter.com/CislNazionale

Ryanair si tira indietro

Nelle ultime ore, però, nella partita sembrava potersi aggiungere anche Ryanair. La compagnia low cost sembrava disposta a farsi avanti per prelevare l’ex Meridiana. Non è chiaro se per salvaguardare i passeggeri con i biglietti già comprati o per rilanciare la compagnia con un investimento.

Il 13 febbraio, David O’ Brien, capo commerciale dell’azienda, ha smentito ogni tipo di interessamento da parte della Ryanair. “C’è una trattativa con l’aeroporto di Olbia per aprire lì una base, difficilmente avverrà per l’estate ma ci stiamo lavorando“, ha puntualizzato O’Brien.

fonte foto copertina https://twitter.com/CislNazionale

ultimo aggiornamento: 12-02-2020

X