Alan Kurdi soccorre 40 migranti: la ONG 'punta' l'Italia

Migranti, l’Alan Kurdi si arrende: le 40 persone sbarcheranno a Malta

Alan Kurdi soccorre 40 migranti e ‘punta’ l’Italia. Salvini firma il divieto d’ingresso nelle acque italiane per la ONG.

ROMA – La Alan Kurdi soccorre 40 migranti e ‘punta’ l’Italia. La ONG ha chiesto al Viminale un porto sicuro per sbarcare ma da Roma è arrivato il divieto d’ingresso nelle acque italiane firmato da Matteo Salvini.

Firmato il divieto – sottolinea il ministro dell’Interno – in acque italiane per la nave Alan Kurdi. Se la ONG ha davvero a cuore la salute degli immigrati può fare rotta verso la Tunisia. Se invece pensa di venire in Italia come se fosse ha sbagliato ministro“.

Di seguito il tweet di Matteo Salvini su Alan Kurdi

La nave Alan Kurdi verso l’Italia

La nave Alan Kurdi fa ‘rotta’ verso l’Italia. Nonostante il divieto d’ingresso da parte del Viminale, la ONG non ha nessuna intenzione di fermare il proprio viaggio e nelle prossime ore potrebbe arrivare al largo di Lampedusa. Un nuovo braccio di ferro in vista quindi tra le Organizzazioni non governative e il ministro Salvini.

Solo qualche ora prima di questo salvataggio si è risolta la questione della Gregoretti, grazie all’intervento dell’Unione Europea. Possibile che Bruxelles entri in campo anche in questa vicenda ma c’è bisogno di tempo per trovare i Paesi disposti ad ospitare i migranti.

Il messaggio della Alan Kurdi a Salvini: “Non andiamo in Libia”

Con un messaggio condiviso sui social, i vertici della Alan Kurdi hanno fatto sapere di non essere intenzionati a dirigersi verso la Libia, che non può essere considerato come un porto sicuro.

“Stiamo andando a Lampedusa e spero che troveremo un porto sicuro che definitivamente non è in Libia. La gente soccorsa ci ha detto che prima di tornare in Libia preferirebbero affogare in mare. Non lasceremo che ciò accada”.

ALAN KURDI
Alan Kurdi (fonte foto https://twitter.com/seaeyeorg)

I migranti sbarcano a Malta

La Alan Kurdi si arrende. Dopo il no da parte dell’Italia, la ONG ha deciso di sbarcare a Malta per “non offrire a Salvini un’altra occasione per uno show così indegno“.

Il salvataggio

Il salvataggio è avvenuto nella mattinata di mercoledì 31 luglio 2019. La Alan Kurdi ha chiesto immediatamente un porto sicuro. “Geograficamente – fa sapere la ONG – Lampedusa è più vicino“. A bordo dell’imbarcazione ci sono due donne (tra cui una incinta) un neonato e due bambini.

Nessuna apertura da parte di Salvini che in mattinata aveva sfidato la Germania: “Si tratta di una provocazione continua. Si disobbedisce alle leggi italiani e si attacca nei fatti il governo italiano. Stiamo parlando di una ONG tedesca. Sappiamo tutti dove possono andare ma non certo in Italia“.

fonte foto copertina https://twitter.com/seaeyeorg

ultimo aggiornamento: 02-08-2019

X