Russia 2018, l’Italia deve battere l’Albania per evitare di finire in seconda fascia

La vittoria del Belgio in Bosnia ha garantito all’Italia la sicurezza dei playoff verso Russia 2018. Domani, però, se la Nazionale non vincerà contro l’Albania potrebbe rischiare di finire in seconda fascia al sorteggio.

chiudi

Caricamento Player...

Un gol di Carrasco nel finale di Bosnia-Belgio ha dato all’Italia la certezza di essere tra le otto migliori seconde che saranno sorteggiate il prossimo 17 ottobre a Zurigo per i playoff di novembre.

Prima o seconda fascia?

Ora, per la Nazionale l’obbiettivo diventa quello di arrivare al sorteggio in prima fascia: quattro squadre da una parte, quattro dall’altra; abbinamento e gare di andata e ritorno per decidere le ultime quattro squadre della zona Europa che parteciperanno a Russia 2018. Con il ranking aggiornato a ieri sera – si legge su La Gazzetta Sportiva -, teste di serie sarebbero Portogallo, Italia, Galles e Danimarca mentre in seconda fascia ci sarebbero Croazia, Nord Irlanda, Svezia e Grecia. In questo caso, il rischio per gli azzurri di Ventura sarebbe senz’altro la Nazionale balcanica.

Possibili scenari

La Rosea spiega come la situazione sia in evoluzione con alcune certezze: chi tra Portogallo e Svizzera va agli spareggi sarà testa di serie; Grecia, ma anche Scozia, Slovacchia e Slovenia sarebbero messe peggio degli azzurri. Il resto, come detto, è fluido.

Battere l’Albania

Domani sera, a Scutari, l’Italia chiuderà il proprio girone di qualificazione con un match niente affatto insignificante. Dopo l’1-1 di Torino contro la Macedonia, la selezione di Ventura è chiamata a una prestazione di riscatto e, soprattutto, alla vittoria. In questo caso, non ci sarebbero dubbi sul fatto di essere in prima fascia. E se domani l’Italia perde o pareggia? Il ranking si abbasserebbe sotto la soglia fatidica dei 1000 punti: Portogallo (o Svizzera), Danimarca (o Polonia), Galles, Croazia (o Ucraina) e la stessa Francia potrebbero superarci tutte. E ci sarebbe un’eventualità ancora più paradossale: se l’Italia pareggia, e la Svezia vince, avremo lo stesso coefficiente col rischio di essere in bilico tra le due fasce.