L’ex attore Alex Van Damme aggredito a Roma. Le condizioni del 44enne non sono gravi. Fermato un iracheno.

ROMA – L’ex attore di Alex Van Damme aggredito a Roma. La brutta avventura, come scritto da La Repubblica, è avvenuta nella notte tra il 6 e il 7 febbraio al centro della Capitale.

Le condizioni del 44enne, conosciuto per aver preso parte a diversi film, non sono gravi. Le autorità locali hanno fermato un cittadino iracheno, ritenuto il responsabile di questa aggressione. Sono in corso le indagini per ricostruire meglio quanto successo.

L’aggressione

La ricostruzione dell’aggressione è ancora al vaglio degli inquirenti. Secondo le prime informazioni, l’ex attore avrebbe avuto un diverbio con il cittadino iracheno per questioni economiche. Van Damme aveva chiesto la restituzione di un prestito.

Da qui la reazione del suo rivale che prima lo ha colpito in varie parti del colpo e poi ha provato a ferirlo con un coccio di vetro. L’ex attore è riuscito a fuggire e chiedere aiuto ad una pattuglia dei carabinieri in servizio nelle vicinanze. I militari, dopo aver ascoltato la testimonianza di Van Damme, sono riusciti a fermare il cittadino iracheno, accusato di lesioni personali gravi.

Ambulanza
Ambulanza

Come sta Alex Van Damme

Le condizioni di Alex Van Damme non preoccupano i medici. L’ex attore è stato trasportato al Policlinico Umberto I con un trauma cranico, ferite alla bocca e al naso e traumi addominali e cervicali. Per lui una prognosi di 21 giorni.

Una ferita alla mano anche per il cittadino iracheno, medicato e dimesso la stessa sera. Un’aggressione che ha ancora dei punti da chiarire. La lite molto probabilmente è nata per motivi economici. Sono in corso tutte le ricostruzioni del caso. L’ex attore è stato già ascoltato dagli inquirenti. Una piccola disavventura per Alex Van Damme, attore che in passato ha recitato anche con Raoul Bova.


Coronavirus, le regioni che cambiano colore dall’8 febbraio

Coronavirus, cambia la mappa dell’Italia: i nuovi colori delle Regioni da lunedì 8 febbraio