Alexander Albon in Williams nel 2022. Il team inglese ha deciso di affidarsi all’ex Red Bull e Toro Rosso per la prossima stagione.

ROMA – Alexander Albon in Williams nel 2022. Dopo un piccolo braccio di ferro con la Mercedes (che sperava di poter mettere de Vries nel team inglese), la scuderia britannica ha annunciato l’accordo con la Red Bull per il ‘prestito’ di un anno dell’ex Toro Rosso.

Il pilota thailandese prende il posto di Russell (passato alla Mercedes n.d.r.) e per la prossima stagione affiancherà Latifi. Una scommessa sicuramente importante che mette un altro tassello in un roster che è sempre più vicino alla conclusione.

Albon: “Sono davvero entusiasta”

Alexander Albon, riportato da SportMediaset, si è detto “entusiasta di questa nuova avventura e non vedo l’ora di tornare in Formula 1 nel 2022. Quando resti un anno fuori da questo mondo non è mai certo che tornerai e quindi sono estremamente grato a Red Bull e Williams per aver creduto in me aiutandomi in questo ritorno in griglia“.

Il thailandese ora concluderà la stagione con la Red Bull e subito dopo inizierà a programmare il 2022 con la Williams. E’ sicuramente un anno particolare e per questo motivo attenzione alle sorprese.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

MotoGP Formula 1

Si avvicina la conferma di Giovinazzi in Alfa Romeo

Il passaggio di Albon alla Williams dovrebbe avvicinare la conferma di Giovinazzi in Alfa Romeo. La scuderia ha fatto sapere al pilota pugliese che la decisione finale sarà presa solamente in autunno, ma non dovrebbe esserci la separazione.

Il team italiano ha avuto un contatto con la Red Bull per Albon. La scelta della Williams da parte del thailandese apre le porte ad una permanenza di Giovinazzi. La Ferrari ha dato il proprio ok, ora spetta all’Alfa Romeo decidere cosa fare. Resta la possibilità de Vries, ma vedere due piloti Mercedes su una monoposto motorizzata Ferrari sembra essere un po’ complicato.


La moglie di Schumacher rompe il silenzio: “Mi manca ogni giorno”

Ita, nessun accordo con i sindacati. Filt: “Governo assente, rischio tensione sociale”