Alfa Romeo e Carabinieri, la storia continua: presentata la nuova Giulia Radiomobile da 200 cavalli.

È stata presentata ufficialmente la nuova Alfa Romeo Giulia consegnata all’Arma dei Carabinieri. Si tratta di una versione rivisitata della Giulia, una delle macchine di maggior successo della casa automobilistica.

Presentata la nuova Alfa Romeo Giulia dei Carabinieri

La Giulia Radiomobile 2.0 turbo ha spinta dalla potenza di ben 200 cavalli. Ha un cambio a otto marce, automatico. I colori sono quelli tradizionali dell’Arma dei Carabinieri. Saranno consegnati 1.770 esemplari di una macchina bella, veloce ed efficiente. Insomma, l’Alfa Romeo torna in servizio con una macchina di prim’ordine che controllerà le nostre strade.

Le caratteristiche della macchina

Ovviamente la macchina deve rispondere a determinati requisiti. La dotazione e l’allestimento delle macchine rispondono a precise richieste avanzate proprio dall’Arma dei Carabinieri.

Pannello messaggio variabile aerodinamico di ultima generazione
Due lampeggianti con luce laterali e faro orientabile di ultima generazione
Lampeggianti led su specchi retrovisori esterni
Parabrezza blindato (livello B4) e cristalli laterali e lunotto antisfondamento (anteriori antiframmentazione)
Porte anteriore blindate con protezione piedi scendenti (livello B4)
Protezione antiscoppio del serbatoio carburante
Due portaarma elettromeccanico
Cellula detenuto unipersonale (permette un terzo equipaggio)
Portagiubbotti antiproiettili in abitacolo
Due porta tonfa e paletta
Radio in posizione centrale per l’utile impiego da parte di entrambi i componenti dell’equipaggio
Sistema di amplificazione e diffusione esterno vettura

Carabinieri
Carabinieri

L’Alfa Romeo e l’Arma dei Carabinieri

Il legame tra l’Alfa Romeo e l’Arma dei Carabinieri affonda le sue radici nella storia. Dalla fine della Seconda Guerra Mondiale tutte le auto dei Carabinieri erano marcate Alfa Romeo, marchio di eccellenza del settore automobilistico italiano. La storia tra l’Alfa Romeo e l’Arma dei Carabinieri inizia per l’esattezza nel 1951 con la 1900 M, meglio nota come Alfa Romeo Matta. L’anno successivo sarebbe arrivata la Gazzella.

La Gazzella è sostanzialmente la macchina utilizzata per il pronto intervento. Si tratta di una macchina rapida, resistente, veloce e che nel corso degli anni è diventata sempre più tecnologica e connessa.


Sale ancora il prezzo della benzina: 1,593 euro al litro

Crisi Air Italy, via ai licenziamenti