Cosa e come mangiare durante i viaggi, i nostri consigli

Provare cibi nuovi quando si è in vacanza è un modo per avvicinarsi maggiormente ad una nuova cultura. Quest’esperienza culinaria però non è sempre positiva, se non ben informati si potrebbe incorrere in problemi gastrointestinali. Cosa mangiare dunque durante un viaggio all’estero e cosa no?

chiudi

Caricamento Player...

Sono molte le persone che quando fanno un viaggio all’estero incorrono in problemi gastroenterici. Questo succede o perché non si pone attenzione a ciò che si mangia o perché alcuni alimenti non sono salubri. Un altro problema potrebbe derivare dalla difficoltà dell’organismo a sopportare un’alimentazione differente da quella solita. 

Cosa mangiare prima e durante un viaggio in aereo

alimentazione viaggio
Fonte immagine: https://pixabay.com/it/cibo-tagliatelle-tailandese-1835565/

Quando si fa un viaggio in aereo, se si soffre di mal d’aria sarebbe bene prima di partire, mangiare sempre alimenti secchi come: cracker, taralli e pane asciutto. Si sconsiglia invece di bere alcolici, di assumere latticini e di mangiare alimenti troppo complessi.

Durante un viaggio aereo molto lungo invece, viene servito sull’aereo: il pranzo, la cena e lo spuntino. Se non percepite alcun disturbo e il cibo proposto è di buona qualità è possibile mangiare e bere tranquillamente durante il volo. 

Per l’alimentazione dei bambini durante un viaggio, si consiglia di portare con sé dei cibi adatti a loro come omogeneizzati sigillati, biscotti, pastina, semolino o altri prodotti ideali per loro dieta.

Consigli alimentari da seguire durante un viaggio all’estero

Quando ci si reca all’estero, specialmente in posti caldi o con condizioni igieniche non adeguate sarebbe bene seguire i suggerimenti dati dall’OMS per evitare di soffrire di problemi gastroenterici. 

Una delle prime avvertenze è quella di evitare di consumare carne e pesce non cotti bene o crudi. Questo non vale in tutte le nazioni, ma è bene evitarli principalmente nei paesi meno sviluppati e nei locali troppo economici.

L’OMS, al fine di prevenire problemi d’intossicazione da cibo all’estero ha identificato alcuni punti che se seguiti possono aiutarvi durante un viaggio nei paesi più a rischio. Questi sono: 

  • Non bere l’acqua dai rubinetti ed acquistare sempre bottiglie sigillate.
  • Non consumare ghiaccio nelle bevande. 
  • Non mangiare frutta e verdura crude se prima non le lavate con dell’acqua potabile. Inoltre si consiglia di togliere sempre la buccia prima di mangiarle.
  • In luoghi dove manca l’acqua potabile, bollitela sempre prima di berla. L’acqua si disinfetta arrivando ad una temperatura pari ai 100°.
  • Consumare sempre cibi ben cotti 
  • Non mangiare frutti di mare crudi
  • Non mangiare carne cruda
  • Non bere latte o mangiare latticini non pastorizzati 
  • Non acquistare gli alimenti dai venditori ambulanti

Infine, l’OMS consiglia di curare sempre la propria igiene personale, di lavarsi le mani e i denti con acqua potabile ed evitare il contatto con gli animali.

In ogni caso, nonostante si seguano tutti questi consigli è sempre possibile avere dei problemi causati dai virus intestinali. Per questo motivo specialmente se dovete andare in un paese le cui condizioni igieniche non sono ottimali, bisognerebbe stipulare un’assicurazione. Grazie ad una copertura assicurativa medica potrete viaggiare sicuri, essere curati e se necessario rimpatriati e ricoverati in Italia.

Fonte immagine: https://pixabay.com/it/cibo-ristorante-menu-asia-cena-1050813/

Polizza Viaggio