Alitalia, 400 milioni di prestito per la compagnia di bandiera

Alitalia, il prestito pubblico sale a 400 milioni

Il decreto fiscale prevede che il prestito per Alitalia salga dai 350 ai 400 milioni. Il finanziamento è ai sei mesi. I dubbi dell’Unione Europea.

ROMA – Alitalia dovrebbe ottenere un prestito di 400 milioni. E’ quanto prevede l’ultima bozza del dl fiscale che potenzia così il finanziamento, della durata di 6 mesi, per “per consentire di pervenire al trasferimento dei complessi aziendali facenti capo alla società in amministrazione straordinaria e alle altre aziende del gruppo anch’esse in amministrazione straordinaria“. Per la restituzione si applicherà un tasso Euribor a 6 mesi maggiorato di 1.000 punti base.

Alitalia, intervento del Governo

Il prestito per aiutare Alitalia salirebbe così ulteriormente rispetto ai 350 milioni previsti. Un piano che potrebbe consentire alla compagnia di restare in vita in attesa di un rilancio previsto ormai nel 2020.
L’intervento del Governo si renderebbe necessario dato i ritardi nella cordata che vorrebbe acquisire la compagnia: il prestito ponte di 900 milioni concesso in passato si sta esaurendo. Il tesoretto, infatti, nelle prossime settimane potrebbe assottigliarsi ancora di più anche perché si entra in bassa stagione con pochi biglietti venduti e molte uscire.

Alitalia
fonte foto https://www.facebook.com/Alitalia.Italia/

I dubbi di Bruxelles

Un piano che rischia di essere bocciato dall’Unione Europea. Gli aiuti, infatti, non convincono Bruxelles, pronta a chiedere una revisione di questo provvedimento per riutilizzare il tesoretto.

Profondo rosso…

La situazione di Alitalia non è notoriamente delle più rosee. Da gennaio la compagnia ha bruciato oltre 700mila euro al giorno. Una cifra che non rende semplice l’acquisizione con tutti i profili interessati che ancora non hanno fatto il passo definitivo per entrare nella cordata.

ultimo aggiornamento: 25-10-2019

X