Lo sceneggiatore Allan Burns è morto all’età di 85 anni. Ha vinto cinque Emmy e nominato agli Oscar.

NEW YORK (STATI UNITI) – Televisione e cinema internazionali in lutto. E’ morto all’età di 85 anni lo sceneggiatore Allan Burns, uno dei personaggi americani più conosciuti in tutto il mondo.

E’ stato lui, nella sua lunga carriera, a ideare sitcom come The Mary Tyler Moore Show, I mostri e Lou Grant. A dare la notizia della scomparsa è stata data dalla famiglia. Massimo riserbo sulle cause del decesso.

Chi era Allan Burns

Nato a Baltimora il 15 maggio 1935, Allan Burns ha iniziato la sua professione di sceneggiatore sin da giovane. L’ingresso a Hollywood è avvenuto con l’animazione per Jay Ward. Una collaborazione che ha portato alla luce spettacoli importanti come Rocky e Bullwinkle.

Successivamente l’artista ha lavorato anche con altri registi. Un lavoro che gli hanno permesso di vincere cinque Grammy e conquistare una nomination agli Oscar per la sceneggiatura del film Una piccola storia d’amore. Una figura importante per la televisione e il cinema americano. La notizia della scomparsa è stata accolta con molto dolore da parte di colleghi e allievi. E, al termine della pandemia, non si esclude la possibilità di una commemorazione di uno degli sceneggiatori più conosciuti in tutti gli Usa (e non solo).

Cinema
Cinema

Allan Burns morto

La morte di Allan Burns è stata comunicata dalla famiglie nelle prime ore di lunedì 1 febbraio 2021. E’ rimasto il massimo riserbo sulle cause della scomparsa dello sceneggiatore.

Una lunga carriera trascorsa ad Hollywood per l’artista. Le collaborazioni con grandi registri gli hanno permesso di diventare uno dei migliori nel suo ruolo. Cinque gli Grammy conquistati e una nomination agli Oscar. In molti lo hanno ricordato sui social. L’ultimo saluto si terrà nel rispetto delle norme anti-Covid e, al termine della pandemia, possibile una commemorazione per omaggiare l’artista.


Il dramma silenzioso del Covid: tra i giovani in aumento i tentati suicidi e i casi di autolesionismo

Varianti Covid, il ministero della Salute: “Proteggere vaccinati e guariti”