Manovra, Bankitalia: “L’aumento dello spread non è positivo per banche e famiglie”

Il governatore di Banca d’Italia, Ignazio Visco, ha criticato la Manovra: “Il rialzo dello spread non è positivo per famiglie e banche”.

ROMA – Il 31 ottobre 2018 sarà ricordato come un giorno decisivo per il futuro economico dell’Italia. Mentre il governo è al lavoro per votare la Manovra, un nuovo allarme viene lanciato dal governatore di Banca d’Italia, Ignazio Visco: “Un continuo aumento del rialzo dello spread avrà delle conseguenze gravi per banche e famiglie. Il suo incremento deprime il valore dei risparmi accumulati direttamente dalle famiglie mentre per la banche gli effetti si vedono sull’aumento del costo della raccolta e sulle cadute delle azioni“.

Il governatore di Banca d’Italia cerca di dare una spiegazione a questo aumento: “L’incertezza sull’orientamento delle politiche di bilancio e strutturale ha sicuramente contribuito ma hanno avuto anche un peso fondamentale i dubbi sull’evoluzione dei rapporti con l’Europa. Per molti investitori italiani ed esteri sono riemersi i timori per la dinamica del debito pubblico e per il rischio della sua ridenominazione“.

Ignazio Visco
Ignazio Visco (fonte foto: https://www.facebook.com/ricettacolo/?tn-str=k*F)

Manovra, Visco: “Il debito pubblico italiano è sostenibile”

Il governatore Visco è fiducioso per il futuro: “Il debito pubblico è sostenibile ma c’è bisogno di un processo molto delicato. L’Italia può fronteggiare un’uscita dal regime di bassi tassi senza rischi per l’attività produttiva ma la politica di bilancio deve rimanere ancorata alla stabilità e bisogna continuare ad insistere nel processo di riforma per rafforzare l’economia“.

In conclusione del suo discorso Visco spera che “le differenze di opinioni tra Europa e Italia non si trasformino in un conflitto istituzionale perché questo porterebbe all’aumento dello spread. Un clima di fiducia è indispensabile per portare a termine il processo di forma della governance economia europea“.

fonte foto copertina https://twitter.com/ilfoglio_it

ultimo aggiornamento: 31-10-2018

X