Parlamento olandese evacuato per un allarme bomba. L’intera zona è stata transennata.

L’AJA (OLANDA) – Parlamento olandese evacuato per un allarme bomba. Come riportato dai media locali, che citano le autorità, l’intera struttura è stata sgombrata per effettuare tutte le verifiche del caso.

La zona, inoltre, è stata transennata per ispezionare l’edificio e l’area circostante. La situazione è tornata alla normalità poco dopo. Non sono stati trovati bombe e sono in corso tutti gli accertamenti del caso per verificare meglio da chi è partita la chiamata.

L’allarme bomba

L’allarme è bomba è scattato nel pomeriggio di giovedì 25 marzo 2021. Intorno alle 17 le autorità locali hanno evacuato l’intera struttura per effettuare tutti gli accertamenti del caso. La zona, inoltre, è stata transennata per controllare la possibile presenza di ordigni.

Accertamenti che hanno confermato l’ipotesi avanzata in un primo momento: falso allarme. La situazione è tornata alla normalità dopo poco e sono in corso tutte le verifiche del caso. Non sarà semplice per le autorità locali riuscire a risalire all’identità della persona che ha effettuato la chiamata per segnalare la presenza di una possibile bomba.

Polizia
Polizia

Indagini in corso

Le indagini sono in corso. Nessuna ipotesi è esclusa anche perché l’Olanda da tempo sta facendo i conti con le proteste anti-lockdown. L’allarme bomba, che poi si è rivelato falso, poteva riferirsi sia alle decisioni prese per piegare la curva, ma l’attenzione era rivolta anche ad un possibile attacco terroristico.

Fortunatamente il pericolo si è rivelato falso ed è rientrato in poco tempo. La situazione ora è tornata alla normalità e l’edificio da domani (venerdì 26 marzo) potrà essere nuovamente accessibile ai parlamentari e ai dipendenti.

Attimi di paura per tutte le persone che sono stati costretti ad abbandonare l’edificio per un presunto allarme bomba. Episodio successo in un momento non per nulla semplice vista anche la pandemia che non sembra dare tregua.


Scuola, Figliuolo: “Possibili test periodici per i ragazzi e i docenti”

Presenta autocertificazione falsa, il gup lo assolve: “Non c’è l’obbligo di dire la verità”