CGIA e il nuovo allarme: Inps e Inail pagano in ritardo le imprese

Il nuovo allarme della CGIA: Inps e Inail pagano in ritardo le imprese

Nuovo allarme da parte della CGIA: “Inps, Inail e i Ministeri non sono precisi nei pagamenti alle imprese. I numeri sono impietosi”.

ROMA – L’Ufficio studi della CGIA lancia un nuovo allarme per quanto riguarda i pagamenti di Inps, Inail e Ministeri alle imprese. “Quando sono le aziende a ritardare il versamento dei contributi previdenziali o assicurativi – precisa Paolo Zabeoquesti istituti sono solerti e intransigenti nel far scattare immediatamente le sanzioni e gli interessi di mora previsti dalla legge. Diversamente, quando sono chiamati a liquidare i propri fornitori, questa inflessibilità nel rispettare i tempi di pagamento viene inspiegabilmente meno. Al punto che sia Inps che Inail, l’anno scorso hanno liquidati le imprese in grave ritardo, violando i limiti stabiliti dalla normativa“.

Lo studio – citato da Il Giornale – ha riportato “numeri impietosi” con ritardi per l’INPS che sono arrivati anche a 10 giorni medi rispetto a quanto previsto dalla legge mentre per quanto riguarda l’Inail si è arrivato anche a due mesi. Tutto questo ha portato un debito commerciale nei confronti dei fornitori pari a 157,2 milioni di euro.

CGIA attacca Inps e Inail per i pagamenti in ritardo

Non si tratta di un caso isolato – fanno sapere dall’ente – visto che anche nel 2016 e nel 2017 sono stati registrati questi pagamenti non puntuali. Nel mirino sono finiti anche i ministeri con il dicastero della Difesa che in questo ultimo anno ha liquidato i fornitori con 67 giorni di ritardo che gli sono valsi un debito di 313,2 milioni di euro.

Nonostante gli sforzi fatti negli ultimi anni per ricordare che la situazione generale è molto critica – fa sapere il segretario della CGIA Renato Mason è stata proprio la Commissione Europea nel 2017 a deferire il nostro Paese alla Corte di Giusizia dell’UE. In quell’occasione è stato ribadito il sistematico ritardo con cui le Amministrazioni pubbliche effettuano i pagamenti nelle transazioni commerciali in palese violazione delle norme europee in materia di pagamenti. Un malcostume tutto italiano che non ha eguali in Europa“.

fonte foto copertina https://pixabay.com/photos/euro-money-bank-note-checkout-1306189/

ultimo aggiornamento: 26-05-2019

X