Allarme coronavirus nelle carceri. Vasto focolaio nella struttura di Rebibbia. 110 i casi registrati.

ROMA – E’ allarme coronavirus nelle carceri. Gli ultimi dati comunicati dal Dap e riportati dall’Ansa hanno registrato un aumento dei casi rispetto alle settimane precedenti.

A preoccupare sono i numeri che arrivano da Roma. Nella struttura di Rebibbia si è registrato un vasto focolaio. Sono 110 i detenuti positivi nella casa circondariale della Capitale. E si teme un ulteriore aumento nei prossimi giorni.

Coronavirus nelle carceri, i numeri

Nel consueto e puntale aggiornamento del Dap del 16 gennaio è stato fatto il punto sull’emergenza coronavirus nelle carceri. La regione con più casi è la Lombardia con quasi 228 casi registrati da inizio epidemia.

A preoccupare, in particolare, è la situazione di Milano. In dieci giorni nella struttura di Bollate i positivi sono passati da 36 a 110. A San Vittore c’è stata una crescita inferiore (da 17 a 59), ma i numeri mantengono alta l’attenzione delle autorità competenti.

Anche nel Lazio i dati non sono bassi. I casi sono registrati soprattutto negli istituti romani. Tra Rebibbia e Regina Coeli i positivi superano quota 100. A questi bisogna aggiungere anche 4 detenuti ricoverati in ospedali per precauzione. In Veneto si è raggiunta quota 60. Alti numeri si registrano anche a Sulmona, Palermo, Napoli.

Carcere della prigione
fonte foto https://it.wikipedia.org/wiki/Cella_(prigione)#/media/File:Alcatraz_Cell_2005.JPG

I detenuti positivi superano quota 700

I numeri complessivi si avvicinano a 1.000. Sono 718 i positivi tra i detenuti. La maggior parte sono asintomatici (681). Dati più bassi, invece, per i sintomatici (11) e i ricoverati (26). Cifre in crescita rispetto al 7 gennaio quando i casi erano 556.

Positivi registrati anche tra i poliziotti penitenziari. In questo caso i contagi sono 640. A loro bisogna aggiungere il personale delle carceri (61) con il totale che anche in questo caso supera i 700 (701). Numeri che continuano ad essere in aumento e per questo non si esclude un intervento per evitare ulteriori focolai.

fonte foto copertina ttps://it.wikipedia.org/wiki/Cella_(prigione)#/media/File:Alcatraz_Cell_2005.JPG


Video su TikTok con sfida estrema, influencer accusata di istigazione al suicidio

Aperta un’indagine sulla morte sulla morte del cane di Andrea Bocelli