Il tecnico della Juventus, Massimiliano Allegri, ha parlato in conferenza stampa in vista del match di domani contro la Roma

C’è grande attesa per la supersfida dello Stadium tra Juventus e Roma. La vittoria nel derby ha dato ulteriore slancio ai campioni d’Italia, che ora sperano di ripetersi anche contro i giallorossi di Luciano Spalletti. Alla vigilia del match, il tecnico bianconero, Massimiliano Allegri, ha parlato in conferenza stampa, partendo dagli avversari di domani: “In questi ultimi anni, la Roma è stata la nostra vera antagonista. È una squadra forte e ben organizzata, con giocatori di qualità, che rispetto a inizio campionato crea meno, ma ha più solidità difensiva. È una sfida che non decide il campionato, ma se vogliamo rimanere in testa a Natale dobbiamo fare risultato domani“.

Gufi? No, rivali

Allegri, dunque, mette in guardia i suoi: l’unico risultato accettabile è la vittoria. “Il pareggio non va bene,. In questa stagione non abbiamo ancora pareggiato in campionato e vorrei continuare così, con una bella vittoria. Abbiamo due partite importanti da qui alla fine dell’anno e vogliamo vincerle: con la Roma per rimanere in testa, con il Milan per portare a casa un trofeo importante“. Idee chiarissime e nessuna paura dei… gufi: “La Juve ha tanti nemici, ma non ci sono problemi. È normale, fa parte del gioco: la parola gufi ha più risonanza, ma è giusto dire che i bianconeri hanno tanti rivali“.

Spalletti l’attore

Si passa all’analisi dei singoli. Chi al fianco di Gonzalo Higuain: “Non ho ancora deciso. Vediamo l’allenamento di oggi, poi valuterò. Con Higuain possono giocare sia Dybala che Mandzukic, tutti e tre insieme è difficile. Pjanic? È sereno, sicuramente non sarà una serata normale. Partirà dal primo minuto domani, giochiamo contro la Roma ed è giusto che sia così“. In chiusura, Allegri riserva un commento al collega Spalletti: “Ha fatto grandi cose a Roma, ma anche allo Zenit. Ogni tanto fa bene anche l’attore“.

 

Vaccino Covid, quando farlo, come prenotarsi e da chi saremo chiamati


Milan, Bacca o Lapadula: Montella deve scegliere il titolare contro l’Atalanta

Spalletti: “Con la Juve gara fondamentale, ma non è l’ultimo treno Scudetto”